Euganeo rovinato dai concerti, Valentini: “Il Comune ha pagato, ma non basta”

Euganeo rovinato dai concerti, Valentini: “Il Comune ha pagato, ma non basta”

Commenta per primo!

Il terreno di gioco dell’Euganeo, bistrattato dai mega-concerti estivi e, di recente, utilizzato in parte anche per il meeting di atletica, preoccupa l’amministratore delegato Andrea Valentini, intervistato da Il Mattino: “Il problema vero sono stati i tre concerti musicali, giocandoci sopra subito dopo è stato impossibile mettere a posto il tappetop erboso – spiega – Assindustria non ha fatto grandi danni, ma che io sappia non partecipa comunque alla sistemazione dopo il meeting. Il Comune ha pagato la sistemazione di campo e pista dopo i concerti, ma non basta. Il problema principale è che ora ci sono delle zone in cui addirittura l’erba non cresce più. E la situazione dello stadio non è la sola: a Bresseo ci sono funghi, l’Appiani è tenuto malissimo, nel suo complesso c’è da rivedere l’intera gestione dei campi”. In vista della gara di domenica sera la società provvederà a rattoppare il terreno entro i limiti del possibile, visti i pochi giorni a disposizione. Perlomeno, in mano alla dirigenza ora è giunto un prospetto dettagliato degli interventi necessari: “Proprio stamattina (ieri, ndr) mi è giunta la relazione di un’azienda a cui abbiamo affidato le ispezioni di verifica delle condizioni dei tre impianti – prosegue Valentini – e le risposte che ci hanno dato non sono state belle. Quest’anno potremo mettere delle “toppe” ai vari problemi, perché non possiamo smettere di giocare o di allenarci. All’Euganeo bisognerà mettere mano al drenaggio, alla tipologia d’erba, a quella di concimazione: tutta una serie di motivazioni tecniche che concorrono ad una situazione del genere”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy