I tifosi ci scrivono, perplessità  su Alessio Secco

I tifosi ci scrivono, perplessità  su Alessio Secco

L’angolo delle vostre considerazioni (scriveteci a info@padovasport.tv e www.facebook.com/padovasport.tv)

Marco: Per quanto Secco e Marcolin non mi scaldino troppo (basta vedere rispettivi curriculum) dico ai tifosi di stare tranquilli perchè già si legge di tutto…. il Sassuolo con Pea era formato da giocatori retrocessi e un allenatore senza esperienza e guardate cosa ha fatto, il Livorno è andato in A con l’ex allenatore del Lumezzane.

Pietro: molti sono in errore. Marcolin e Secco non sono delle scommesse. Erano delle scommesse, ora sono delle scommesse perse. Forza Penocchio, avanti così: stadio eccellente, due perdenti nei ruoli chiave… prossima mossa? Viganò come socio?

Rui: Si dia iniziò alle danze “critiche a go go”

Willy: Secco Me lo ricordo ancora quando con arguzia e tenacia strappò alla concorrenza 3 fenomenali top player come Boumsong-Knezevic-Poulsen.

Tenente: una totale nullità in salsa post-moggiana

Federico: Peggio di Secco c’è solo la tempesta

Lele: Caro Stefano, su Marcolin non so esprimermi ma sono assolutamente contro l’arrivo di Secco… a Modena non poteva fare danni con un ds puro vicino più Caliendo, alla Juve ha fatto disastri. Dobbiamo per forza farlo lavorare noi? Cosa ne pensi?

Matteo: Piuttosto di Secco era meglio De Franceschi a questo punto, che conosce già l’ambiente. Il fatto di aver lavorato alla Juve (male) non significa saper fare il ds… Peggio Penocchio non poteva scegliere… vediamo che dicono in conferenza stampa domani.

Mirco: Cari tifosi del padova, sappiate che senza i suoi legami con la Juve, Secco starebbe ancora trascorrendo le domeniche pomeriggio a portare il the caldo e i giubbotti ai calciatori.

In tanti ci chiedete un’opinione su Marcolin e Secco. Su Marcolin sono moderatamente ottimista, un po’ deluso invece dalla scelta di affidare ad Alessio Secco la costruzione della squadra. Il ds a mio parere è un ruolo chiave, è colui che crea le grandi fortune (o sfortune) di un club. Puoi avere anche risorse limitate, ma se in società hai qualcuno che sa fare bene il mercato non solo puoi raggiungere gli obiettivi, ma puoi pensare anche a sostenerti autonomente, senza pesare eccessivamente sulle risorse economiche della proprietà (vedi Udinese, Atalanta, Empoli, Chievo, negli ultimi anni Brescia, Livorno, oltre ovviamente il Cittadella). Credo che Alessio Secco sia un personaggio che brilli ancora di quella luce riflessa avuta dall’incarico alla Juve. La chiamata a ds bianconero, nel 2006, è stata la sua grande fortuna, grazie alla quale è stato chiamato a lavorare successivamente a Modena e ora a Padova. Se oggi Secco è il ds del Padova, dunque, non è tanto per le sue intrinseche qualità di direttore sportivo (che ancora, se ci sono, devono emergere) quanto, secondo me, per il fatto di essere molto ben supportato nell’ambiente dei procuratori (che, e ancora qui esprimo il mio modesto parere, sono il vero motore di tutto questo carrozzone). Mi aspettavo e speravo in un profilo differente, magari anche qualcuno che abbia lavorato in una piccola piazza, o in Lega Pro, ma che abbia dimostrato negli anni di avere fiuto, di saper assemblare una squadra vincente. Secco in passato ha avuto la grande opportunità della Juve, sicuramente non un momento facile per lavorare in quella piazza nel 2006, ma la lista degli orrori è davvero lunga e non si limita a qualche acquisto non azzeccato: Almiron, Amauri, Andrade, Bojinov, Boumsong, Diego, Ekdal, Falquè, Grygera, Grosso, Iaquinta, Knezevic, Mellberg, Melo, Poulsen, Salihamdzic, Sissoko, Stendardo, Tiago, Vanstrattan, senza contare il ritorno di Cannavaro pagaro a peso d’oro. Ingaggi che hanno pesato notevolmente anche sulla gestione successiva a Secco. Non vorrei che la gavetta che Secco non ha fatto, la venisse a fare qui, magari a spese del Padova: felicissimo di sbagliarmi ovviamente se le cose dovessero andare diversamente… (Ste.Via.)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy