L’ira della società : “Ora pagate le spese per l’Appiani”

L’ira della società : “Ora pagate le spese per l’Appiani”

ll contenzioso tra la proprietà e la dirigenza del Calcio Padova e i suoi tifosi ha rischiato anche di far cambiare location all’ultimo momento per la serata di ieri. I tifosi, infatti, avevano chiesto alla società biancoscudata, che ha in gestione l’impianto, la disponibilità dello stadio Appiani ma da viale Rocco è arrivato un secco no nei giorni scorsi. Così gli ultras si sono rivolti all’amministrazione comunale attraverso l’assessore comunale allo Sport Umberto Zampieri e il presidente della commissione sport Michele Toniato, che hanno fatto in modo di aprire i cancelli della tribuna centrale. Ma alle 18 di ieri, via lettera, l’amministratore delegato del Padova Andrea Valentini ha comunicato agli organizzatori della manifestazione, che tutte le spese della serata, luce e pulizia comprese, sarebbero state a carico dei tifosi stessi. Una notizia che, appena è stata comunicata al migliaio di appassionati presenti, ha suscitato, più che i soliti mugugni verso la proprietà, un’enorme ilarità collettiva. Si vedrà come andrà a finire. Cambiando discorso, ma rimanendo all’Appiani, proprio lo stesso Michele Toniato, che dal 25 maggio svestirà i panni di presidente della commissione sport del Comune di Padova non essendosi ricandidato, ha preso la parola per annunciare che, dopo quasi un anno, si è sbloccata la matassa burocratica sui lavori per la sistemazione dello storico impianto. Da Venezia è arrivato l’ok della Sovrintendenza ai beni architettonici e a breve dovrebbe partire il primo stralcio di lavori per sistemare la tribuna centrale e gli spogliatoi. Allo stesso tempo sarà affissa anche una targa per ricordare la memoria di Silvio Appiani all’ingresso dello stadio a lui intitolato

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy