Palermo-Cittadella, Barbera verso il tutto esaurito. E intanto si presenta la terza proprietà in pochi mesi

Palermo-Cittadella, Barbera verso il tutto esaurito. E intanto si presenta la terza proprietà in pochi mesi

di Redazione PadovaSport.TV

Terza proprietà in pochi mesi. A Palermo è un continuo via vai di personaggi, a volte ambigui, che sfilano promettendo mari e monti. Ora tocca ad Arkus Capital di Salvatore Tuttolomondo. Da Baccaglini agli inglesi di Sport Capital Group c’è stato soltanto molto fumo, quello che ha voluto diradare subito Arkus Network in un’ora e 45 minuti di presentazione. In attesa dei fatti che determineranno le intenzioni, è stato, quantomeno, un modo diverso di presentarsi con slide a corredo degli asset delle società coinvolte e del piano industriale. Il primo atto concreto della nuova proprietà sarà di devolvere in beneficenza l’incasso della gara di sabato con il Cittadella. Con il Barbera che si avvia verso il tutto esaurito (ieri superata quota 12 mila tagliandi) è una bella cifra. Il Palermo, quindi, si avvia a un nuovo inizio, dopo due anni sull’ottovolante tra presunti nuovi proprietari e vicissitudini societarie e giudiziarie. Un periodo nel quale si sono alternati, dopo Zamparini, cinque presidenti da Baccaglini a Giammarva, passando per Richardson e Foschi, fino ad Albanese e dove non sono mancati i problemi nelle aule di tribunale con una richiesta di fallimento, poi respinta, richieste di sequestri patrimoniali, rigettati, e gli arresti dell’ex patron friulano che andrà a processo il prossimo 2 luglio. Due anni senza pace culminati anche con i deferimenti della Procura Federale che verranno discussi nella prima udienza domani davanti al Tfn. Per il nuovo Palermo il rischio — prima ancora di mettersi in moto — è quello di ritrovarsi fuori addirittura dai playoff.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy