Serie B commissariata, ieri l’ultima fumata nera

Serie B commissariata, ieri l’ultima fumata nera

Commenta per primo!

Dopo la Serie A anche la B è stata commissariata. È il triste epilogo di un’impasse preoccupante proprio perché coinvolge le due componenti professionistiche principali, orfane di una guida politica e assenti dal governo federale sin dalla rielezione di Carlo Tavecchio di sei mesi fa. Non a caso, lo stesso Tavecchio, che il 6 settembre aveva già incassato il via libera dell’assemblea di A alle linee guida che ispireranno il nuovo statuto, ieri ha completato l’opera facendo approvare in Consiglio federale i principi informatori degli statuti delle leghe, proprio con l’obiettivo di superare lo stallo.

Tanto per dire, se il nuovo regolamento fosse già entrato in vigore, ieri l’assemblea di Lega B alla 2a convocazione si sarebbe costituita con 12 club presenti (la maggioranza semplice), e invece lo scoglio dei 15 (la maggioranza qualificata) si è rivelato per l’ennesima volta invalicabile. Troppo ampia la distanza tra le due anime, quella ispirata da Lotito (che non a caso era a Roma) e quella che si riconosceva nella candidatura di Corradino.

Tra l’altro proprio oggi che si insedierà il commissario Mauro Balata – procuratore federale interregionale, fedelissimo di Tavecchio, formalmente in carica fino al 31 dicembre, con l’auspicio che faccia molto prima – la Lega Bospiterà il board dell’ Epfl, l’associazione delle leghe professionistiche europee: è la prima volta che una lega di 2a divisione organizza una riunione dei vertici. Ci sarà pure il d.g. Paolo Bedin, come coordinatore delle seconde divisioni, assieme al collega della A Brunelli e ai rappresentanti di PremierBundesligaLiga e altri tornei. (Da La Gazzetta dello Sport)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy