Serie B sul piede di guerra: minacce a chi non accetta le 19 squadre. E Gravina sostiene i ripescati esclusi

Serie B sul piede di guerra: minacce a chi non accetta le 19 squadre. E Gravina sostiene i ripescati esclusi

di Redazione PadovaSport.TV

Il caos continua a regnare sovrano. La Serie B ha deciso di andare avanti come un rullo compressore verso le 19 squadre, senza ripescaggi. Lunedì sono attesi i calendari a “organico ridotto”. Tuttavia, alla svolta di Milano (Lega B) per ora non corrisponde quella di Roma (Federcalcio). Che fino a ieri sera si è chiusa in un silenzio carico di discussioni e di incognite. La Lega B guidata da Mauro Balata ha anche sottolineato di riservarsi “ogni azione in ogni sede nei confronti di tutti coloro che si sono resi e si renderanno responsabili di condotte e comportamenti e azioni antigiuridiche, illegittime e pregiudizievoli nei confronti della Lega e/o delle societa’ associate”.
Intanto nel mucchio si è buttato anche Gabriele Gravina: la Lega Pro ha infatti diffidato il commissario straordinario della Figc, Roberto Fabbricini, dal modificare il format di Serie B, portando le squadre da 22 a 19 già per la stagione entrante. Nel testo, l’avvocato incaricato Gabriele Gravina ha evidenziato che “tale provvedimento risulterebbe in palese contrasto con gli artt. 49  e 50 delle NOIF (Norme Organizzative Interne della Figc). Il richiamato art. 50 dispone, infatti, che la modifica dell’ordinamento dei Campionati debba entrare in vigore dalla seconda stagione successiva a quella della sua adozione e che  una tale delibera si porrebbe in contrasto con gli interessi delle squadre che hanno gia’ partecipato alle procedure di integrazione dell’organico di Serie B 2018-2019. La diffida e’ stata inviata per conoscenza alla Presidenza del Consiglio, quale Autorita’ di
Governo vigilante, e al Coni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy