Festa Spal: pari con l’Arezzo e promozione, la B mancava dal 1993

Festa Spal: pari con l’Arezzo e promozione, la B mancava dal 1993

Bastava un pareggio con l’Arezzo, e pareggio è stato: dopo il Cittadella, promosso lunedì sera, anche la Spal è stata promossa in serie B. Ma se la squadra veneta era stata retrocessa appena un anno fa, quella di Ferrara mancava dalla stagione 1992-93, in cui era neopromossa e chiuse al quart’ultimo posto: il ritorno tra i cadetti di oggi è arrivato al termine di una stagione intera passata in testa alla classifica, nel girone B, con 20 vittorie, 8 pareggi e 4 sconfitte, bottino che ha tenuto a distanza un’altra nobile decaduta come il Pisa, che con lo 0-0 con la Maceratese (terza) resta a 9 punti di distanza, a due giornate dalla fine.
Nella gara interna con l’Arezzo, davanti a 9000 tifosi, la Spal si è portata in vantaggio con l’undicesimo centro stagionale di Gianmarco Zigoni, il figlio d’arte che dopo le giovanili e due gol in B con il Treviso passò al Milan Primavera, trovando anche l’esordio in A prima di scendere di categoria. L’Arezzo, che staziona a metà classifica, ha trovato il pari con l’ex Brescia di Edoardo Defendi, ma il pari bastava alla squadra di Leonardo Semplici, ex Fiorentina Primavera, ingaggiato a metà della scorsa stagione. La Spal (acronimo di Società Polisportiva Ars et Labor, fondata da un prete salesiano) ha giocato 16 stagioni in serie A tra il 1951 e il 1968, lanciando giocatori come Armando Picchi e Fabio Capello. Era fallita nel 2005, ripartendo dalla C2 col Lodo Petrucci, poi nuovamente nel 2012, scendendo in serie D e tornando in Lega Pro nel 2013, con la fusione con la Giacomense, squadra di Masi San Giacomo, frazione di scarsi 500 abitanti in provincia di Ferrara, cinque stagioni in C2 prima di confluire nel nuovo club. (Gazzetta.it)
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy