Alessandria, contestazione dei tifosi dopo la figuraccia dell’Euganeo: la società non ci sta

Alessandria, contestazione dei tifosi dopo la figuraccia dell’Euganeo: la società non ci sta

Commenta per primo!

Tempi duri per i “grigi” di Angelo Gregucci in quel di Alessandria. Nonostante la qualificazione ai playoff  raggiunta matematicamente alla penultima giornata le recenti prestazioni della squadra hanno fatto perdere la pazienza ai tifosi, preoccupati in vista dello scontro al primo turno dei playoff contro il Foggia. L’Alessandria ha raccolto appena due punti nelle ultime quattro partite e dopo il cocente 4-0 subito all’Euganeo nella sfida con il Padova (seppur affrontata con numerose riserve) la squadra è stata duramente contestata da una trentina di tifosi che al ritorno dalla trasferta in Veneto hanno fermato il pullman della società con staff tecnico e giocatori all’interno all’uscita dell’autostrada. A parlare con i contestatori è sceso dal pullman il tecnico Angelo Gregucci mentre nella serata di ieri la società tramite il proprio sito internet ha emesso questo comunicato che stigmatizza la contestazione nei confonti dei “grigi”:

L’Alessandria Calcio 1912, nella persona del Presidente Luca Di Masi, condanna fermamente la pesante contestazione che alcuni tifosi hanno tenuto nei confronti di staff e squadra di ritorno dalla trasferta di Padova. A sette giorni dalla partita più importante dell’anno, seppur ci si potesse aspettare una manifestazione di delusione da parte della tifoseria per la prestazione di ieri, mai ci si sarebbe aspettati una contestazione di questo tipo. La Società è, oggi più che mai, vicino ai giocatori e allo staff per preparare al meglio la partita di Foggia. La stagione sportiva è stata la migliore degli ultimi 40 anni, e non è ancora finita. Anzi. La prossima partita, e speriamo quelle che seguiranno, potrebbero trasformare una stagione magnifica in leggendaria. La squadra lotterà fino all’ultima goccia di sudore per vincere tutte le partite che si meriterà di giocare. Questo non è un momento negativo e non va vissuto come tale, è l’inizio di un nuovo campionato del quale vogliamo provare ad essere i protagonisti sul campo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy