Caso Tacopina, lettera di richiamo dal Prefetto di Venezia

Caso Tacopina, lettera di richiamo dal Prefetto di Venezia

Commenta per primo!

E pensare che c’è chi vorrebbe buttare tutto in caciara, parlando come sempre a sproposito: “E’ solo un po’ di pepe sul derby”. L’uscita di Joe Tacopina (il famoso calcio in culo, metaforico, che vorebbe dare al Padova) invece è pericolosa, non può che aumentare l’astio tra due tifoserie che già non si amano, fa parte di quel campionario di frasi che è meglio evitare prima di un derby delicato, e soprattutto occupando una posizione come quella dell’avvocato newyorkese. Lo testimonia, se ce ne fosse bisogno, la decisione del Prefetto di Venezia, Domenico Cuttaia, che oggi ha scritto una lettera al numero uno del Venezia. «C’è sempre un gruppuscolo che potrebbe cogliere l’occasione per una, per così dire “carica” fuori le righe per mettere in atto comportamenti che con lo sport nulla hanno a che fare», il richiamo del Prefetto, che si conclude con queste parole: «Mi rimetto alla Sua sensibilità che so essere di elevato spessore come quando in diverse occasioni Lei, con il suo staff, e i giocatori del Venezia, ha saputo scaldare i cuori delle persone, tifose e non, rendendo omaggio alla memoria della cara Valeria Solesin».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy