L’ex Silvestri fa l’eroe col Leeds in EFL Cup: “Porto sempre Padova nel cuore”

L’ex Silvestri fa l’eroe col Leeds in EFL Cup: “Porto sempre Padova nel cuore”

1 Commento

Martedì sera è stata la sua serata. Marco Silvestri, portiere classe ’91 passato per Padova nella stagione 2012/13 è diventato l’eroe di Leeds, squadra inglese di cui Massimo Cellino è il chiacchierato presidente, che milita in Championship. Nella gara di EFL Cup (la Coppa di Lega inglese) si è reso protagonista della vittoria della sua squadra contro il Norwich, formazione di Premier League, sconfitta dopo i calci di rigore. Silvestri ne ha parati ben tre, facendo registrare un nuovo record per il club. Il protagonista della nottata di coppa, intervistato dal sito gianlucadimarzio.com, ha espresso tutta la sua felicità, ricordando con piacere Padova e la piazza che gli ha permesso di esordire tra i grandi del pallone: “Non gioco tanto e questa cosa vale doppio, sto lavorando tanto per dimostrare il mio valore quando mi danno l’occasione. Leeds dal punto vista calcistico è eccezionale, diverso da come lo viviamo in Italia. I tifosi sono caldi, sono tantissimi. Questa è una delle poche città in cui c’è un’unica squadra di calcio, quindi sono molto affiatati. Se in trasferta ci sono a disposizione 5mila biglietti, nel settore ospiti ci saranno 5mila tifosi”. Concetto di calcio diverso, anche se l’Italia gli manca e il ricordo di Padova è molto positivo: “E’ stata la mia prima squadra in B, la mia prima grande piazza. Sono molto legato a questa squadra. Mi è dispiaciuto tantissimo quando è retrocessa. Padova ce l’ho sempre nel cuore, così come il Cagliari con cui ho esordito in Serie A”. Un salto nel passato per ripescare i ricordi più belli di quegli anni: “I migliori? Hellas Verona-Padova, mi ricordo è stata una partita in cui ho fatto molto bene, l’esordio in A col Cagliari, contro il Parma, quando ci siamo salvati. E poi c’è la partita contro la Juve allo Stadium: mi fece gol Pirlo su punizione, il pallone mi rimbalzò sulla schiena. Se ci penso ancora rosico. L’avevo toccata, potevo pararla. Però son state tutte belle esperienze e le tengo nel cuore. Soprattutto le prime in B e le prime in A”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Luca Luca - 1 mese fa

    Bravissimo Marco, ora è il secondo portiere del Leeds, ma il titolare (arrivato quest’estate) ha 36 anni, Marco ne ha solo 25 e quindi il futuro è dalla sua parte, e poi è comunque molto stimato dal presidente, non credo che Massimo Cellino lo lascerà andar via, soprattutto se riusciranno a salire in Premier, possono ambire non solo ai play off ma anche alla seconda piazza che da la promozione diretta.
    In coppa ora avrà l’opportunità di misurarsi con una squadra prestigiosa come il Liverpool, speriamo sia un anticipo della nuova stagione in Premier, passare il turno è quasi impossibile ma se ci riusciranno entrano nella storia è da ben 20 anni che il Leeds non arriva alle Semifinali di Coppa.

    PS: Il chiaccherato presidente italiano del Leeds, è arrivato ed ha pagato stipendi arretrati per circa 5 mesi, ha pagati debiti per circa 23 milioni, ed il mese scorso ha staccato un assegno da 17 milioni di sterline per acquisire il restante 25% della società, ora è proprietario unico del Leeds.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy