Tedino, bestemmia e squalifica: “Incredulo, non ricordo di aver detto niente”

Tedino, bestemmia e squalifica: “Incredulo, non ricordo di aver detto niente”

Arriva la squalifica per l’allenatore del Pordenone Bruno Tedino a causa di un’espressione blasfema volata durante l’ultima partita. Il tecnico neroverde però, come si legge in questa nota, non l’ha presa benissimo: Il Pordenone Calcio apprende con stupore – si legge – della squalifica di una giornata per (presunte) “reiterate espressioni blasfeme” dell’allenatore Bruno Tedino e dell’allenatore in seconda Carlo Marchetto, comminata dopo l’incontro Lumezzane-Pordenone. I mister Tedino e Marchetto, in particolare, dichiarano: «Siamo rimasti increduli per il provvedimento e proviamo grande dispiacere. Durante la gara non abbiamo ricevuto alcun avvertimento né, soprattutto, ricordiamo di aver proferito tali espressioni. Espressioni che, in generale, non rientrano nel nostro linguaggio».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy