Angelozzi bloccato a Bari, Cestaro dubbioso

Angelozzi bloccato a Bari, Cestaro dubbioso

Guido Angelozzi è il ds del Bari, e lo sarà a tutti gli effetti fino al 22 giugno, quando verranno definite le numerose comproprietà della società pugliese, in un momento molto delicato (cambio di proprietà). Marcello Cestaro vorrebbe affidare a lui il ruolo di direttore sportivo, da qualche mese vacante dopo le dimissione di Fabrizio Salvatori, ma non potrà annunciarlo fino al 22. Angelozzi, come noto, è stato consigliato dall’amico Campedelli, presidente del Chievo, che con il Bari ha sempre avuto ottimi rapporti (oltre che un gioiello come Bellomo in comproprietà): lascerà Bari a giugno, ma non può ancora abbandonare la sua società, motivo per cui non è da escludere che il Padova viri su altro obiettivo visto che il Cavaliere non ha intenzione di aspettare fino a quella data. Il secondo obiettivo, come vi abbiamo anticipato il 26 maggio (clicca qui per leggere la notizia), risponde al nome di Stefano Antonelli, attuale ds del Siena, società dal futuro incerto (senza l’appoggio di Montepaschi). Antonelli ha parlato più volte con Gianluca Sottovia (una delle persone di cui il presidente Cestaro si fida maggiormente) dimostrando grande interesse per la piazza biancoscudata. Con lui potrebbe riformarsi il tandem di Siena, con Iachini in panchina. Ma al momento nulla è stato ancora deciso, in ballo c’è sempre la promozione di Ivone De Franceschi a direttore sportivo, una soluzione che conterrebbe i costi e darebbe un minimo di continuità con le ultime stagioni. Come al solito, tutto dipenderà dall’umore del presidente: sempre più padre-padone del Padova.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy