Biancoscudati Padova-Di Nardo: contatto! De Poli telefona a Totò

Biancoscudati Padova-Di Nardo: contatto! De Poli telefona a Totò

E alla fine arrivò l’attesa telefonata. Proprio ieri il ds biancoscudato Fabrizio De Poli ha telefonato a Totò Di Nardo. L’attaccante napoletano sarebbe una meravigliosa suggestione, un sogno per tantissimi tifosi del Padova che stanno cercando di familiarizzare con la nuova creatura biancoscudata, plasmata dalle mani di Bergamin, Bonetto, De Poli e Parlato. Con Totò Di Nardo sarebbe decisamente più facile: all’attaccante napoletano sono legati dolcissimi ricordi, non è certo un’esagerazione affermare che si tratta di uno dei giocatori più rappresentativi del Padova degli ultimi 20 anni. “Sì confermo che ieri è arrivata la telefonata – ammette Di Nardo in esclusiva a PadovaSport.tv – sono stato felicissimo. Se n’è parlato molto nelle ultime settimane, ho letto tante volte il mio nome ma fino a ieri non c’era mai stato niente di concreto. Ora, da qui a dire che l’operazione si farà certamente, ci vuole un po’. Abbiamo fatto solo una chiacchierata telefonica, senza parlare di cifre. Ci siamo dati appuntamento tra qualche giorno”. Chiediamo a Totò che impressione ha avuto da questo primo confronto: “Indubbiamente è una situazione nuova per tutti. Da una parte c’è poco tempo a disposizione, dall’altra bisogna fare le cose con cervello. Inutile dire che io sarei felicissimo di tornare, ma giustamente loro devono fare i loro conti, impostare la squadra secondo le regole dei giovani, capire i giocatori piàù congeniali al loro modulo, ci sono tanti fattori…”. Di Nardo, che ha chiuso l’ultima stagione nella Juve Stabia, è in buona forma: “Sto bene, mi sto allenando con una squadra di calciatori disoccupati qui a Napoli”. La serie D è una novità anche per Totò: “Non l’ho mai fatta, all’Ischia in Seconda divisione di Lega Pro già facevo fatica a chiamarlo calcio, immagino la D… ma non è un problema di categoria per me! Ho visto i nomi del nuovo Padova, non conosco nessuno per ora, ci sono tanti giovani. Sono loro che in questa categoria possono fare la differenza, aldilà dei giocatori esperti che metti vicino”. Padova aspetta Di Nardo a braccia aperte: “Mi stanno scrivendo in tantissimi, per me sarebbe fantastico. Io capitano? Magari! Sono una persona umile e in questo momento sono abbastanza sereno, non voglio sbilanciarmi o illudere nessuno, se c’è la volontà da parte di tutti si farà!”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy