Black-out, Bonacini attacca Abodi: “La sua etica sportiva una buffonata, i miei giocatori non faranno più alcun giuramento”

Black-out, Bonacini attacca Abodi: “La sua etica sportiva una buffonata, i miei giocatori non faranno più alcun giuramento”

Commenta per primo!

Parole di fuoco del presidente del Carpi Stefano Bonacini all’indirizzo del presidente della serie B, Andrea Abodi, a proposito dell’episodio del black-out durante Carpi-Padova di sabato scorso: “Abodi parla di etica sportiva e usa tante belle parole, ma di fatto la sua etica sportiva è finzione, è una cartolina da far vedere ai bambini – ha detto il patron del club emiliano in collegamento con RadioScudati, la trasmissione radiofonica ufficiale del Calcio Padova – Quella partita va rigiocata, ed è ciò in cui confidiamo, dal momento che lo stadio Braglia era stato collaudato e verificato da un tecnico della Lega come funzionante nella serata del giovedi antecedente alla gara. Abodi da buon politico non prende le parti, ma dovrebbe farlo, altrimenti anche il giuramento che viene fatto all’inizio del campionato dai giocatori è una buffonata. Non so se ci sarà ancora occasione, ma ho vietato al mio capitano Pesoli di pronunciare ancora quel giuramento. A parti invertite noi non avremmo mai chiesto la vittoria a tavolino. Il Padova? Ha diritto a fare ricorso ma è stato poco sportivo, Penocchio due giorni fa mi ha chiamato ma non ho capito il senso della telefonata. Ha esposto le proprie ragioni, gli ho risposto che benefico può trarre dal cercare una vittoria a tavolino a inizio campionato. Noi andremo fino in fondo, tirando in ballo se necessario il Modena e la Lega”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy