Comproprietà  e opzioni, ecco il quadro completo della situazione

Comproprietà  e opzioni, ecco il quadro completo della situazione

C’è tempo fino a domani alle 19 per far valere le opzioni su Succi, De Paula, Di Gennaro e Ardemagni. Fino a venerdì invece per la risoluzione delle comproprietà. Vediamo nel dettaglio la situazione:

Succi (opzione): Il Padova può acquistare la metà per 500.000 euro, ma il prezzo è considerato troppo alto dopo il recente intervento che ha allungato i tempi di recupero del giocatore. Zamparini ha fatto sapere che non ha nessuna intenzione di fare sconti. Percentuale di permanenza a Padova: 30%

Ardemagni (opzione): Sborsando circa 1,9 milioni il Padova potrebbe acquisire metà cartellino dell’attaccante. Non verrà riscattato. Percentuale di permanenza a Padova: 0%

Di Gennaro (opzione): 1,8 milioni da versare al Milan per avere la metà del giocatore: anche in questo caso il Padova non proverà neanche a negoziare l’accordo. Il trequartista non rientra più nei piani della società: Percentuale di permanenza a Padova: 0%

De Paula (opzione): Foschi può avere il brasiliano, suo pupillo, pagando circa 1,4 milioni al Chievo. Impossibile che il Padova sborsi una cifra del genere per la metà del giocatore (tantopiù che anche in questo caso non ci saranno sconti). Più probabile una rinegoziazione dell’accordo in un secondo tempo. Percentuale di permanenza a Padova: 40%

Legati (comproprietà): Non sono note le cifre dell’accordo per riscattare la seconda metà del cartellino del difensore (la cifra pare si aggiri sugli 800.000), certo è che il Milan non vuole privarsene (l’idea è quella di girarlo nuovamente in prestito o in comproprietà, ma in serie A). Se si andrà alle buste, come sembra, l’offerta del Padova sarà comunque importante. Percentuale di permanenza a Padova: 50%

Gallozzi (comproprietà): Si va verso il riscatto del giocatore, il Padova punta ad acquistarlo definitavamente tantopiù che le cifre in ballo non sono altissime. Al Foligno interessa soprattutto incassare. Percentuale di permanenza a Padova: 70%

Portin (comproprietà): Il finlandese è a metà con l’Ascoli. Ci sono dubbi sulla sua tenuta fisica dopo le recenti ricadute, ma sul giocatore era stato fatto un investimento importante a inizio campionato. Non è da escludere che nella trattativa si inseriscano altre società (il Cesena non ha mai nascosto l’interesse per il giocatore). Percentuale di permanenza a Padova: 50%

Vantaggiato (comproprietà): Sembra che il cartellino del Torello scotti… Entrambe le squadre probabilmente non metteranno niente nelle buste, a parità di offerta quindi il giocatore rimarrebbe a Padova. L’alternativa è che il Parma rilevi l’intero cartellino per una cifra irrisoria, per poi rivendere il giocatore altrove. Percentuale di permanenza a Padova: 20%

Baccolo (comproprietà): Anche in questo caso il cartellino è diviso tra Padova e Parma. Nell’ultima stagione il giocatore è stato prestato all’Alto Adige in Prima Divisione (la squadra poi è retrocessa), ma ha giocato poco e non ha entusiasmato. Motivo per cui il Padova lo scarterà. Percentuale di permanenza a Padova: 0%

Fantin (comproprietà): Il giovane portiere classe ’88 ha giocato poco con la Sangiovannese. Difficile che il Padova possa tenerlo. Percentuale di permanenza a Padova: 1%

Mazzetto (comproprietà): Diverso il discorso del centrocampista che ha giocato in prestito alla Vibonese. Buona stagione la sua con 29 presenze su 30 totali (è stato il più utilizzato nella rosa dei calabresi in Seconda Divisione, ha saltato quell’unica partita per una squalifica). Giocatore molto duttile: interno di centrocampo e all’occorrenza esterno basso, Foschi ci penserà bene prima di lasciarlo partire. 50%

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy