Cordaz, addio al veleno: “Con Foscarini ho chiuso, mi ha mancato di rispetto”

Cordaz, addio al veleno: “Con Foscarini ho chiuso, mi ha mancato di rispetto”

Alex Cordaz non sarà più il portiere del Cittadella, l’esclusione all’ultima giornata nella partita decisiva contro l’Ascoli ha creato una frattura insanabile con la società granata: “Non sono disposto a trattare – spiega il portiere al Mattino – con Foscarini ho chiuso. Rimango a disposizione della società fino al 30 giugno, data di scadenza del mio contratto, ma penso che la mia avventura sia finita qui. La scelta dell’allenatore mi ha ferito. Per quello che ho dato al Cittadella e alla squadra, non meritavo un trattamento del genere. Avrei accettato di essere accantonato durante l’anno senza alcun problema, ma all’ultima giornata, a poche ore dalla partita, penso sia stata quasi una mancanza di rispetto. Credo di non aver fatto nulla di male. Interpreto tutto questo come una mancanza di sensibilità, di tatto, che non posso accettare. Mi dispiace per la società, la città, i compagni, ai quali voglio un bene dell’anima». Lunedì sera Pellizzer ospite a PadovaSport lo aveva detto: “Ho visto Cordaz molto arrabbiato, ci teneva molto a quella partita”. Ma la delusione sembrava fosse svanita, dopo il raggiungimento dell’obiettivo salvezza. Invece Cordaz non ha gradito tempi e modi dell’esclusione: “L’ho saputo alle 11 del mattino di sabato. Credo che comunicarmi all’ultimo una decisione così importante non sia stato il massimo. Non c’è stata nessuna lite con Foscarini e non è successo mai niente. Voglio chiarire questo, perché in questi giorni sono girate tante “voci” su possibili litigi. Non c’è niente di vero”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy