Feltscher: “Dispiaciuto per Pea, l’ho chiamato anche io dopo l’esonero. Ora pensiamo allo Spezia”

Feltscher: “Dispiaciuto per Pea, l’ho chiamato anche io dopo l’esonero. Ora pensiamo allo Spezia”

Commenta per primo!

Queste le dichiarazioni (riportate dal sito ufficiale) di Feltscher, oggi dallo stadio Appiani “Non mi aspettavo l’esonero di Pea! A me è successo già tre volte a Parma. Bisogna accettare sempre le scelte del mister e farsi trovare pronti anche se si gioca poco, sempre! Ho chiamato Pea dopo l’esonero perché mi dispiaceva molto per il suo esonero e anche perché mi aveva prestato un libro sul calcio e dovevo restituirglielo”.

Su Colomba: “E’ un bravissimo allenatore, vuole sempre il massimo anche negli allenamenti! Vuole che andiamo sempre a mille recuperando ogni pallone, quindi è un po’ diverso da Pea… Ci ha dato la scossa sin dal primo allenamento, e noi l’abbiamo accolto positivamente! La difesa a 4 è un po’ diversa, ma credo che con qualche allenamento ci si possa adeguare. Molti dei miei compagni erano già abituati a giocare a 4. Meglio a tre o a quattro? Ho giocato con entrambi i moduli, mi adeguo. Dove mi piace giocare? Colomba mi ha spesso usato come centrale, ma forse in carriera ho giocato maggiormente come esterno!”

Sul mercato e le voci di un ritorno in Svizzera: “Via a gennaio? Io penso a fare bene qua a Padova per un anno ed a giocarmi le mie carte, poi a fine anno si vedrà!”

Sullo Spezia: “La loro è una buona squadra. Non siamo in una posizione grave come si pensa e come pensano in molti, anzi siamo molto positivi! Vogliamo fare nove punti belle prossime tre partite, anche per fare vedere ai tifosi che ci siamo! So che hanno preso male l’esonero, ognuno la pensa a suo modo, anche a me dispiace per Pea, ma adesso inizia una nuova era”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy