Grassani al Cenacolo: “Ho lavorato per Cestaro, Penocchio neanche lo conosco. Pronto a un accordo prima dell’udienza del 10 ottobre”

Grassani al Cenacolo: “Ho lavorato per Cestaro, Penocchio neanche lo conosco. Pronto a un accordo prima dell’udienza del 10 ottobre”

Commenta per primo!

Ecco le ultime dichiarazioni di Mattia Grassani, a fine serata ieri dopo la conviviale organizzata dal Cenacolo alla Montecchia sul tema della Giustizia sportiva (clicca qui per il live). “Ho presentato istanza di fallimento e l’udienza sarà il 10 ottobre, il mio credito è di circa 80.000 euro – spiega Grassani ai nostri microfoni – Il Tribunale ha chiesto i bilanci degli ultimi tre anni e la situazione debiti-crediti. Io spero si arrivi a un accordo prima, anche il 9 o il 10 mattina. Ho lavorato per il Padova di Cestaro, Penocchio neanche lo conosco. Formalmente i debiti sono passati a Penocchio, ma il mio lavoro è stato fatto per Cestaro, è lui che mi ha dato il mandato. Avevo ricevuto rassicurazioni in merito al fatto che, se Penocchio non avesse pagato, ci avrebbe pensato Cestaro ma così purtroppo non è stato. Pignoramento trofei? Prima sono stati fatti presso le banche, le quali hanno pagato una parte del debito verso di me, debito che però non è stato soddisfatto del tutto. Si è passati quindi a un altro bene aggredibile, ovvero la sede sociale, compresi trofei e materiale storico. Il decreto ingiuntivo è già stato fatto ovviamente, la società si è opposta sia al decreto che all’immediata esecutorietà, ma ha perduto entrambe le opposizioni. Se mi aspettavo il crac? Non ho più seguito il Padova dopo il caso Italiano, ma certo vedendo l’atteggiamento della società subentrata a Cestaro che ha avuto un atteggiamento dilatorio, ha disconosciuto il mio lavoro e non ha mai fatto una proposta di pagamento, ho capito che non c’era molto la volontà di pianificare il futuro… Quello di Penocchio è stato un atteggiamento totalmente sfuggente”.

Nella foto l’avvocato Grassani con il padovano Liccardo. Foto e video sulla serata sulla nostra pagina facebook, clicca qui

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy