I tifosi ci scrivono, l’angolo delle vostre opinioni. E alcuni chiarimenti…

I tifosi ci scrivono, l’angolo delle vostre opinioni. E alcuni chiarimenti…

L’angolo delle vostre opinioni, scriveteci a info@padovasport.tv oppure sulla nostra pagina facebook.

Matteo: Stefano, hai letto le dichiarazioni di Bonavina????

Ho letto la delirante intervista, delirante non per quanto detto da Bonavina, che conosco e stimo, ma per chi l’ha imbeccato, nel maldestro tentativo di gettare ombre (?) sul nostro lavoro. L’ipotesi Penocchio in serie D è concreta e potrebbe rappresentare un ottimo modo per ripartire, a patto che lo stesso Penocchio cambi atteggiamento o si defili dalla scena, lasciando spazio a personaggi legati al Calcio Padova e davvero competenti (come abbiamo scritto Molon direttore sportivo e Galderisi allenatore sarebbe un’ottima soluzione). Tengo a precisare che con Diego Penocchio mi sono scontrato diverse volte nel corso dell’ultimo anno, arrivando addirittura a una tregua forzata davanti al presidente dell’Ordine dei giornalisti. Non mi è per nulla simpatico, lo trovo arrogante e presuntuoso, ma sono obiettivo (altrimenti cambierei mesterie), penso che sia in grado di rimediare agli errori fatti, anche suoi, facendo ripartire la società dalla D (e perchè no, poi vendendola se le cose dovessero andare bene) e dando continuità al Calcio Padova 1910, società che non si è potuta iscrivere al campionato di Lega Pro, soprattutto per causa, spiace dirlo, del Cavalier Cestaro. Tutto questo partendo dal presupposto che non ci sia la volontà da parte di Penocchio di vendere il Calcio Padova 1910. Personalmente l’unica cosa che mi interessa è che il Padova non stia fermo un anno per poi ripartire magari dalla Promozione, oppure che si costringa una città a tifare per l’Atletico San Paolo o ancora di più che nascano diverse società legate al nome di Padova. Il Calcio Padova 1910 è uno solo: manteniamolo in vita, anche con Penocchio (allo stadio si tifa per la squadra o per il presidente? Io personalmente per la squadra). Nelle prossime mail rispondo a quanti ci chiedono ulteriori delucidazioni su questo possibile scenario (Penocchio in serie D). (Ste.Via)

Mirco: Spiace vedere che anche in un momento del genere ci sia un tuo collega che viva per cercare di gettare fango sul tuo ottimo lavoro. Ho letto con interesse il piano di Penocchio, e non capisco sinceramente perchè qualcuno se la debba prendere con voi che lo avete solo svelato… mah. Vorrei solo chiederti che possibilità ci sono che il Padova fallisca, prima dell’iscrizione alla D:

A chi non conviene in questo momento il fallimento? Agli istituti finanziari non conviene, Agli enti previdenziali e all’amministrazione finanziaria non conviene, ai tesserati dell’area sportiva (come scriverò a breve) non conviene perchè il rimborso del fondo di garanzia è davvero limitato e addirittura nemmeno previsto sopra un certo ingaggio (di circa 200.000 euro a stagione). La transazione quindi, se verrà proposta, conviene ai giocatori. E’ un dato di fatto, non ci si può discutere sopra. I fornitori? Saranno pagati, a partire da Gino Buja. (Ste.Via.)

Andrea: Ma Bonavina dice che non ci si può iscrivere in D senza aver pagato prima gli stipendi

Spiace contaddire Bonavina (evidente che difende i giocatori visto il suo ruolo), ma le cose non stanno proprio come dice lui. C’è un precedente chiaro, il Messina nel 2008. Ma soprattutto il regolamento parla chiaro riguardo all’iscrizione, lo riportiamo qui di seguito, attenzione alla frase in neretto: “Non saranno accettate le iscrizioni di società che risultino avere pendenze debitorie nei confronti della F.I.G.C., della L.N.D., dei Comitati o di altre Leghe, ovvero altre pendenze verso Società consorelle o verso dipendenti e tesserati, e ciò a seguito di sentenze passate in giudicato emesse dagli Organi della Disciplina Sportiva o dagli Organi per la risoluzione di controversie. In presenza di decisioni della Commissione Accordi Economici divenute definitive entro il 31 maggio di ciascuna stagione sportiva nonché, sempre entro il predetto termine, in presenza di decisioni anch’esse divenute definitive della Commissione Vertenze Economiche e del Collegio Arbitrale presso la L.N.D., le somme poste a carico delle Società devono essere integralmente corrisposte agli aventi diritto entro il termine di venerdì 11 luglio 2014.

E al momento non c’è nessuna sentenza passata in giudicato, se ne riparlerà eventualmente per maggio prossimo. (Ste.Via.)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy