Il Comune compra il Biancoscudo, logo in comodato al club di Bergamin

Il Comune compra il Biancoscudo, logo in comodato al club di Bergamin

Commenta per primo!

Entro la fine di febbraio, il vecchio Biancoscudo e la vecchia denominazione Ac Padova 1910 potrebbero passare di mano. E il percorso, scontato, sarà dalla vecchia società ormai sportivamente morta a quella che oggi lotta per salire in Lega Pro. Ma la novità è che logo e nome potrebbero essere acquistati dall’amministrazione comunale (che vanta un credito verso Penocchio di circa 300 mila euro) e non dalla Biancoscudati, per poi essere dati in affitto (a un prezzo simbolico) o in comodato d’uso dal Comune al club di Bergamin. Questo per un duplice obiettivo: evitare in un futuro che accada di nuovo un patatrac come quello del luglio scorso (squadra non iscritta ai campionati professionistici) e dare la possibilità alla Biancoscudati (grazie alla vecchia denominazione) di poter essere ripescata (vedi ciò che accadde alla Fiorentina) se ci saranno le possibilità strada facendo. Ciò che è certo è che l’amministrazione comunale guidata da Massimo Bitonci, vuole porsi come garante di fronte alla città e ai suoi tifosi. L’accordo, non è ancora stato trovato. Tuttavia, da entrambe le parti c’è ottimismo. Bisognerà capire quanto vorrà Penocchio per nome e logo e cimeli vari. Si vocifera una cifra attorno ai 150-170 mila euro. In questo caso Iniziative Euganee srl salderebbe il debito con in Comune con altri 130-150 mila euro. L’accordo rientra nel piano di concordato che dovrebbe essere presentato in tribunale mercoledì prossimo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy