Iori: “Delegazione da Cestaro? Vi spiego com’è andata. Lunedì voglio esserci contro il Varese”

Iori: “Delegazione da Cestaro? Vi spiego com’è andata. Lunedì voglio esserci contro il Varese”

Manuel Iori è stato tra gli ospiti di questa sera di PadovaSport, insieme al dg del Cittadella Stefano Marchetti (che lo ha lanciato qualche anno fa con la maglia granata). Il centrocampista ha parlato a lungo della situazione del Padova e della sua avventura in biancoscudato cominciata a gennaio, svelando anche un interessante retroscena. Sul discusso caso della “delegazione” di giocatori che si sarebbe recata all’Unicomm da Cestaro, per dare solidarietà all’allora allenatore Franco Colomba, ecco una nuova versione: “Siamo stati dal presidente, è vero, ma non come è stato detto per sostenere Colomba ed esprimere contrarietà a un ritorno di Pea. Al presidente abbiamo chiesto solamente di parlare direttamente con noi, e non prima con i giornalisti, come era stato fatto. Nel gruppo c’ero anche io, proprio perchè neutrale, essendo appena arrivato. Come potevo parlare male di Pea che neppure lo conoscevo?”. Sulla situazione di classifica: “Il momento è difficile, la classifica racchiude tante squadre in pochi punti. Ora veniamo da un momento negativo, ma mancano ancora diverse giornate”. Lunedì il centrocampista dovrebbe essere tra i titolari: “Voglio esserci contro il Varese e non dico altro. Vedremo come mi sento tra qualche giorno, vengo da infortunio muscolare. Oggi mi sono allenato regolarmente, ho saltato per precauzione solo la partitella”. Sulla forza della squadra: “Ci sono buoni giocatori, la squadra è all’altezza dei play-off. Viviani? E’ vero nelle ultime partite magari non ha fatto benissimo, ma Fede ha grandi qualità e ha fatto partite importanti, vedi Empoli”. Una battuta sul Cittadella: “Si salvano, sono un grande gruppo. Ho bellissimi ricordi della mia esperienza in granata anche se – scherza Iori – Marchetti non voleva più vendermi!”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy