L’Euganeo potrebbe diventare Alì Stadium, ma solo in caso di promozione

L’Euganeo potrebbe diventare Alì Stadium, ma solo in caso di promozione

Commenta per primo!

Secondo alcune indiscrezioni filtrate da Palazzo Moroni e riportate oggi dal Corriere del Veneto, l’Euganeo sarebbe prossimo a cambiare nome in Alì Stadium. L’azienda padovana legata al settore della grande distribuzione (esattamente come il gruppo Famila dell’ex presidente Cestaro) e guidata da Francesco Canella, possiede ben 44 punti vendita tra città e provincia: sarebbe pronta un’offerta (ancora top secret la cifra) per acquisire i naming rights dell’impianto comunale, in gestione alla società di Bonetto e Bergamin. Con una sola condizione: a partire dalla prossima stagione sportiva e soltanto a patto che la Biancoscudati Padova disputi il campionato di Lega Pro e non più quello di serie D. In pratica, la proposta del gruppo sarà valida solo se la squadra allenata da Carmine Parlato, a maggio prossimo, fosse promossa nella categoria superiore. Senza poi dimenticare che, essendo l’Euganeo di proprietà comunale, l’operazione dovrebbe ottenere il via libera da giunta e consiglio comunale di palazzo Moroni. Come è successo, ad esempio, la scorsa estate a Cesena. Dove l’azienda «Orogel», offrendo alla società bianconera il pagamento di 120mila euro all’anno per dieci anni, per un totale, quindi, di un milione e 200mila euro ed acquisendo il placet dell’amministrazione comunale, è riuscita a cambiare il nome dello stadio comunale Dino Manuzzi in Orogel Stadium.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy