La proposta di Cremonese: il ticket “multisport”

La proposta di Cremonese: il ticket “multisport”

Volley e calcio. Ma, perché no, anche rugby e basket? L’idea non appaia per nulla banale e neppure utopistica, anzi potrebbe avere risvolti importanti per tutto il movimento sportivo cittadino. È allo studio un progetto rivolto ai tifosi delle realtà sportive più importanti della città per consentire ai sostenitori delle singole squadre di assistere ai match casalinghi da privilegiati, con il vantaggio di un risparmio economico sul prezzo del biglietto. La proposta è stata lanciata da Fabio Cremonese, presidente della Tonazzo Pallavolo Padova, ed è stata subito raccolta da Giuseppe Bergamin, presidente dei Biancoscudati Padova. A breve, probabilmente già la prossima settimana, i due si ritroveranno per discutere la fattibilità dell’iniziativa. «Dobbiamo pianificarla concretamente, ma l’idea è quella di dare la possibilità agli abbonati delle differenti società di usufruire di un biglietto ridotto per le gare delle altre discipline sportive» spiega Cremonese. La parola chiave è: sinergia. «Ho telefonato a Bergamin, che ha mostrato subito il suo interesse. Di fatto mi piacerebbe ripresentare quanto avevamo messo in piedi nel 2009, sotto il nome di Ticket Multisport. Farò la stessa proposta alla dirigenza del Petrarca Rugby, ma mi piacerebbe allargarla anche al mondo della pallacanestro. L’obiettivo è quello di creare un movimento di appassionati a tutto campo». Ma l’obiettivo è anche quello di aumentare il numero delle presenze sugli spalti, dopo una stagione in cui la Tonazzo ha richiamato al PalaFabris 2.100 spettatori di media. Alla vittoria del campionato di serie A/2 di volley è seguita una campagna acquisti oculata, in cui la società bianconera non ha speso un euro in più di quello che aveva in cassa, offrendo, in un certo senso, un esempio da imitare proprio nelle settimane del fallimento del vecchio Calcio Padova. Oggi l’interlocutore è un altro: «Biancoscudati Padova è una realtà appena nata, ed è giusto che i tifosi abbiano pazienza nei suoi confronti e diano ai suoi dirigenti la possibilità di lavorare» continua Cremonese. «In queste difficili settimane i padovani hanno dimostrato tutto il loro attaccamento alla maglia biancoscudata e sono certo che saranno numerosi anche in serie D. Ma io stesso, che provengo dal mondo del calcio, sono convinto che la serie A/1 di volley sia in grado di offrire uno spettacolo che merita di essere visto e credo che in tanti verranno anche alle nostre partite. Se l’iniziativa andrà in porto offrirà un bel segnale di coesione per la città, unendo i supporter delle squadre di Padova sotto il segno di un’unica passione: quella per lo sport». Parole a cui si associa Bergamin. «Quando mi ha telefonato Cremonese gli ho subito espresso la voglia di “starci”. La nostra società si sta assestando, per questo non c’è stato ancora un incontro operativo per stabilire come concretizzare la collaborazione, ma a breve fisseremo un appuntamento. Per quanto ci riguarda abbiamo tutto l’interesse ad aprirci alla città con iniziative come questa».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy