La spinta dei 22mila non basta per vincere. Padova-Novara finisce 0-0. Domenica servono i tre punti!

La spinta dei 22mila non basta per vincere. Padova-Novara finisce 0-0. Domenica servono i tre punti!

PADOVA  0

NOVARA  0

PADOVA: Cano, Crespo, Legati, Cesar, Renzetti; Bovo, Italiano, Cuffa; El Shaarawy (37’st Rabito), Ardemagni (11’st Di Nardo), De Paula

A disp.: Agliardi, Trevisan, Vicente, Vantaggiato, Drame

All.: Dal Canto

NOVARA: Ujikani, Coubronne (31’st Gheller), Lisuzzo, Centurioni, Gemiti, Porcari, Rigoni, Marianini (26’st Drascek), Pinardi (1’st Scavone), Motta, Gonzalez.

A disp.: Fontana, Ludi, Shala, Rubino

All.: Tesser

Arbitro: Doveri di Roma

Ammoniti: Centurioni, Porcari, Drascek, Legati

Note: Prima del fischio l’inizio tutto lo stadio ha cantato l’inno di Mameli. Euganeo da brividi, 21540 spettatori sugli spalti. Un pubblico così non si vedeva da 15 anni, quando il Padova era in serie A.

Squadre subito aggressive dal primo minuto. Al 3′ palo di Cuffa che infiamma l’Euganeo. Al 5′ a conclusione di un’azione nata da calcio di punizione, il Novara lambisce il palo con un potente diagonale di Gonzalez. Al 16′ parata sicura di Cano sul tiro dalla distanza di Motta. Al 18′ De Paula dalla destra la mette centrale per El Shaarawy che di esterno destro calcia a rete ma la palla viene deviata in corner. Al 19′ ci prova Crespo che cavalca mezzo campo fino all’area piccola ma poi calcia alto. MInuti di fuoco in area piemontese con il Padova arrembante che per 5 minuti bombarda la porta di Ujikani. Al 40′ palla d’oro sui piedi del Faraone che riceve un ottimo lancio di Italiano, ma El92 viene anticipato di un soffio dal portiere azzurro. Al 42′ un Crespo devastante dribbla tre uomini e a suo di tunnel e magie si porta a un passo dall’area dove viene atterrato da Centurioni (ammonito). Punizione per il Padova che però non ha buon esito.

Nella ripresa subito un cambio per il Novara con Scavone che prende il posto di Pinardi. Al 10′ anche Dal Canto fa la sua mossa e richiama in panchina Ardemagni per inserire Di Nardo. Al 19′ fallo (forse da rigore?) su Cuffa mentre tentava di spizzare di testa un cross. Al 24′ ancora Cuffa di testa prova a beffare Ujikani ma il numero 1 del Novara non si fa sorprendere. Al 29′ la retroguardia biancoscudata sventa un gol quasi fatto di Gonzalez, poi il Padova riparte in contropiede e va vicina al gol con Renzetti. Al 33′ cross di Italiano per la testa di De Paula sul secondo palo, ma Ujikani c’è. Al 34′ tiro centrale di El Shaarawy, ancora parato da Ujikani. 

Dopo 3 minuti di recupero Doveri di Roma fischia la fine. Appuntamento per domenica a Novara, con i padroni di casa che avranno il vantaggio di 2 risultati su 3 a disposizione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy