Moretti: “Non era con l’Empoli che dovevamo fare punti”

Moretti: “Non era con l’Empoli che dovevamo fare punti”

Commenta per primo!

Domenica di lavoro per il Padova, che si appresta a iniziare la settimana in anticipo in vista della partita di venerdì a Latina. In conferenza stampa da Bresseo, ecco Federico Moretti, ieri in campo da subentrato:

“Abbiamo fatto male nel primo tempo perché non riuscivamo ad accorciare contro ottimi palleggiatori. Il gol è arrivato in modo casuale, nel secondo tempo siamo migliorati. Peccato, perché è andata e ci servono punti. L’Empoli ha vinto la partita perché ha segnato e ha capitalizzato quello che ha costruito, noi non ci siamo riusciti. Loro sono una squadra rodata da anni, una squadra che si guarda volentieri giocare. Dal campo posso dire mi è sembrato che la squadra abbia messo in difficoltà l’Empoli, alla fine perdevano tempo, erano anche loro coscienti che siamo cresciuti. Non è una questione di reparti la difficoltà a segnare, c’è una difficoltà mentale perché purtroppo non c’è ancora la giusta serenità perché abbiamo bisogno di punti. Cerchiamo sempre di trovare l’occasione sicura per arrivare a rete, si ha più paura a giocarsi un colpo, un tiro da fuori. Mi dispiace tantissimo saltare Latina per la diffida, in un momento così delicato c’è bisogno di tutti. Il ruolo è un aspetto secondario, l’importante è giocare, il mister sa dove posso rendere di più, se lui mi mette in un ruolo è perché gli servo li. Ho fatto anche la mezzala in passato, il mister sa che tipo di giocatore sono e mi impiega dove meglio crede. A fine primo tempo il mister ha corretto i nostri difetti e detto cosa sbagliavamo nelle uscite. Nella ripresa secondo me abbiamo fatto un’ottima partita. Abbiamo perso con il minimo scarto contro la prima e la seconda in classifica. La classifica non la guardo, non sono queste partite in cui fare punti, ma adesso arrivano avversarie contro cui non possiamo più sbagliare”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy