Padova e Cesena, polveri bagnate

Padova e Cesena, polveri bagnate

Commenta per primo!

Il Padova, lo sappiamo, quest’anno continua ad avere poca confidenza con il gol. Quello dei biancoscudati (11 gol) è il peggior attacco del campionato, dunque il secondo 0-0 casalingo consecutivo fa ormai poca notizia. Sono più preoccupati invece in casa Cesena, prossimo avversario del Padova: i romagnoli, che quest’anno sono partiti forte, stanno attraversando attualmente un momento di smarrimento. De Feudis e compagni non vincono da sei gare (ultimo successo datato 18 ottobre, 2-1 con il Bari) e ad Avellino è arrivato il secondo pareggio senza reti consecutivo: attaccato “inceppato” dunque per la formazione di Bisoli, che pure può contare su giocatori importanti come Succi, Defrel, Garritano, D’Alessandro, Granoche… Il digiuno da gol si riflette inevitabilmente sulla classifica dei marcatori, dove nessun bianconero figura nei primi posti. Il migliore goleador della squadra resta Succi, a quota 4, fermo da quel Cesena-Bari già menzionato. Il 3-4-3 di Bisoli non punge più, nemmeno nella variante vista nel secondo tempo di Avellino, con Succi schierato trequartista. Decisamente più grave l’aridità offensiva degli uomini di Mutti (che dura dall’inizio del campionato): ma l’allenatore biancoscudato non ha intenzione di abbandonare il suo 4-4-2. Concetto ribadito anche oggi in conferenza stampa: il sistema di gioco con il trequartista necessiterebbe – a suo dire – di una preparazione ben più lunga e meno improvvisata. Ma restano i dubbi: Pasquato non sembra più a suo agio da seconda punta e sulle fasce c’è poca qualità. Giusto insistere?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy