Padova in 9 soccombe al Sassuolo ed esce dalla zona play-off. Lunedì a Torino senza 4 difensori

Padova in 9 soccombe al Sassuolo ed esce dalla zona play-off. Lunedì a Torino senza 4 difensori

PADOVA         0

SASSUOLO    2

PADOVA: Perin, Legati, Portin, Trevisan, Renzetti, Marcolini (19’st Drame), Italiano, Cuffa (1’st Jidayi), Bentivoglio, Cacia, Cutolo (17’st Succi)

A disp.: Pelizzoli, Franco, Schiavi, Ruopolo

All.: Dal Canto

SASSUOLO: Pomini, Bianchi, Marzoratti, Piccioni, Terranova (29’st Bianco), Longhi, Consolini, Cofie, Valeri, Sansone (40’st Marchi), Boakye (23’st Troianiello)

A disp.: Bassi, Bruno, Benedetti, Noselli

All.: Pea

ARBITRO: Giancola di Vasto

AMMONITI: Legati, Renzetti,

ESPULSI: 31’st Portin, 35’st Trevisan

NOTE: 39’st Sansone sbaglia un rigore

RETI: 17’st Valeri, 49’st Troianiello

 

Partiti!

Qualche minuto di studio tra le due squadre poi è il Padova a far capolino. Ci prova al 9′ con un’incursione di Cutolo: il folletto napoletano chiede appoggio a Renzetti che restituisce palla al compagno ma l’attaccante manca l’aggancio. Al 13′ Cacia, defilato sulla sinistra, calcia a rete ma il suo tiro finisce di un soffio sopra la traversa. Un minuto dopo presunto fallo da rigore su Bentivoglio non ravvisato dal direttore di gara. Al 28′ Legati rimedia un cartellino giallo che gli costa la squalifica: salterà la sfida di lunedì sera con il Torino.Il Padova cerca ripetutamente l’affondo a la difesa neroverde fa buona guardia. Al 34′ i biancoscudati sfiorano il vantaggio con Trevisan, che sugli sviluppi di un calcio d’angolo trova l’incrocio dei pali. Al 40′ il colpo di testa di Cuffa a pochi passi dalla porta finisce alto sulla traversa. Al 42′ miracolo di Pomini sul colpo di testa di Portin. Ancora Padova al 44′, ancora Cuffa di testa che sfrutta un cross al bacio di Renzetti, ma la palla è alta. Il Padova orchestra e domina la partita, ma il Sassuolo è impeccabile in fase difensiva.

Nella ripresa subito un cambio per il Padova: fuori Cuffa (affaticato), dentro Jidayi

Nessun cambiamento invece sul modo di giocare della due squadre: sempre Padova aggressivo, sempre Sassuolo eccelso in difesa. I neroverdi iniziano anche a costruire qualcosa di più e danno da fare a Perin all’8 con un insidioso tiro di Sansone defilato sulla sinistra, ma il baby portiere para di piede. Rapide ripartenze da ambo i lati, il ritmo partita si è alzato. Al 12′ Renzetti commette un’ingenuità fermando in maniera fallosa Sansone e Giancola lo ammonisce: diffidato, salterà anch’egli la sfida con il Torino di lunedì. Perdita non da poco per Dal Canto.

Al 16′ Perin smanaccia via un insidioso tiro di Sansone, ma dall’angolo che ne consegue, battuto dallo stesso Sansone, scaturisce il gol del Sassuolo: Valeri svetta di testa e batte Perin. Al 23′ incredibile azione del Padova: splendida mezza rovesciata di Cacia, Pomini fa il miracolo e la devia sulla traversa.

Al 31′ ingiustificabile leggerezza di Portin che ferma Sansone con un fallo da dietro sanzionato da Giancola con il rosso diretto.

Al 35′ un altro rosso per il Padova! Trevisan viene espulso per aver deviato con la mano. Rigore per il Sassuolo: dal dischetto Sansone prende il palo alla destra di Perin.

Il Padova lunedì andrà a Torino senza quattro difensori: la retroguardia per Dal Canto sarà una scelta obbligata con Franco e Donati esterni, Schiavi centrale assieme, probabilmente, a Jidayi che si è improvvisato stopper già oggi per sopperire all’assenza dei due difensori espulsi.

4 minuti di recupero non bastano al Padova per agguantare il tanto sospirato pareggio. Anzi, al 49′ Troinaiello raddoppia con una botta dal limite. La gente sugli spalti sfolla rabbiosa prima del triplice fischio. Il Sassuolo espugna l’Euganeo. Il Padova esce tra i fischi e gli insulti dei propri tifosi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy