Pallavolo, Cremonese: “Finale degno di Hitchcock. Ora la società  è pronta per il salto in A1. Tanti soci? Comanda Santuz”

Pallavolo, Cremonese: “Finale degno di Hitchcock. Ora la società  è pronta per il salto in A1. Tanti soci? Comanda Santuz”

Il presidente della Pallavolo Padova, Fabio Cremonese, è stato ieri ospite del nostro tg-talk. Ecco le sue dichiarazioni:

“Abbiamo già raggiunto un grande risultato fin qui – spiega – arrivando a conquistare la Coppa Italia. Non credevamo di arrivare cosi in alto, i ragazzi sono stati veramente bravi. La partita del 16 marzo sarà decisiva e determinerà il vincitore del campionato di A2. C’è tanta tensione, ma per ora tentiamo di non pensarci. Magari finisse come in Coppa Italia! In quell’occasione è stata una grande partita, con cinque set spettacolari. Avremo un grande avversario davanti, Monza, ma credo proprio che anche loro penseranno lo stesso. Sarà un finale degno di Hitchcock. Eventuali playoff? Sarebbero duri. Le ultime partite sono state faticose. I nostri giocatori sono forse un po’ stressati ed anche le altre società si sono rafforzate parecchio. Sarebbe dura. In caso di arrivo a pari punti con il Monza tuttavia saremmo favoriti noi per il maggior numero di vittorie. Possiamo dare del filo da torcere al Monza. I nostri ragazzi arriveranno riposati e vogliosi di disputare una buona partita. Peccato che non si giochi in casa perché siamo orgogliosi del nostro pubblico. Ultimamente il nostro tifo si è rafforzato grazie all’arrivo di tifosi delusi dal Calcio Padova. Spero tuttavia che la società biancoscudata riesca a riemergere dalla situazione attuale con un bel colpo di reni. Sarebbe un gran bene per lo sport padovano. I giocatori? Ieri sono stato all’allenamento. Ho parlato e scherzato con loro. Diciamo che stiamo facendo finta di niente. Loro stanno vivendo un momento di tensione ma riescono a reagire bene. La tensione per ora non ha mai influenzato negativamente le prestazioni. Non mi aspettavo di arrivare a questi risultati. Abbiamo tanti giovani sia in panchina che in campo. Ciò dimostra che puntare sui giovani può dare grandi soddisfazioni e regalare belle sorprese. Coach Baldovin? Anche lui è una rivelazione. Conoscevamo le sue qualità ma credo che anche per lui siano una grande soddisfazione i risultati attuali. Siamo stati coraggiosi a ridimensionare il budget, il rischio di non essere competitivi c’era. Abbiamo un bravo DS, Stefano (Santuz n.d.r.), ed il merito di tutto ciò è anche suo. Gestione societaria? Abbiamo stabilito una struttura piramidale. In cima c’è Stefano, il DS, poi l’allenatore e poi i giocatori. Società pronta per l’A1? Si, certo, se c’è da andare in A1 si va. Ancora meglio poi se ci saranno le retrocessioni bloccate!”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy