Ruopolo nega, Cellini conferma. Padova-Atalanta, il Gip: “Accordo tra società  confermato dagli interrogatori”

Ruopolo nega, Cellini conferma. Padova-Atalanta, il Gip: “Accordo tra società  confermato dagli interrogatori”

Francesco Ruopolo nega, Marco Cellini conferma. In questo botta e risposta c’è tutta la giornata di audizioni alla Procura federale di ieri. Cellini nella sua audizione avrebbe confermato di essere stato presente a quel famoso incontro a casa di Gervasoni nella quale si sarebbe parlato di una presunta combine per Pisa-AlbinoLeffe. Cellini a quella proposta rispose di non starci e andò via. Ieri, però, ha ricordato i presenti a quella cena e tra questi (come già avevano detto alla Procura federale e a quella di Cremona Gervasoni e Carobbio) c’era anche Ruopolo. Cellini rischia un’omessa denuncia, ma ha anche chiarito che quando lui si era rifiutato di ascoltare qualsiasi discorso su presunte combine, gli sembrava che ogni cosa fosse stata abbandonata.

Padova-Atalanta. Ruopolo ha «risposto a tutte le domande, ma il verbale è secretato», ha detto l’avvocato Diana uscendo dopo le circa tre ore di audizione. Ma sicuramente non ha fatto cenno a una eventuale combine in Padova-Atalanta. Sulla stessa gara il gip di Cremona scrive: «L’esistenza di un accordo tra le due società è sostanzialmente confermato dalle dichiarazioni rese in occasione degli interrogatori», ma al momento alla Procura federale non è arrivato nessun riscontro. Sullo stesso argomento, infatti, è stato sentito ieri anche l’attaccante dell’Atalanta Guido Marilungo. Quaranta minuti davanti ai sostituti di Stefano Palazzi e al termine il suo avvocato, Tuccini, ha dichiarato: «Posso dire soltanto che il giocatore è totalmente estraneo a qualsiasi vicenda. Non è al corrente dei fatti di cui si parla e non ha mai sentito parlare di combine».

Oggi in Procura. Ora riflettori puntati su Siena-Novara dell’1 maggio del 2011 (terminata 2-2) e sulle partite dell’AlbinoLeffe. Oltre a Vitiello (Siena) e Drascek (ex Novara), saranno ascoltati per quella partita anche il ds del Siena, Faggiano, il responsabile dell’area tecnica, Perinetti, Cristian Stellini (ex assistente del Siena di Antonio Conte, oggi entrambi alla Juventus), Coppola (ex Siena), Terzi (Siena), Bertani e Gheller (ex Novara). Per l’AlbinoLeffe (Passoni, Sala, Bombardini), Poloni (attuale vice tecnico) e Garlini (assistente tecnico). Intanto ieri a Bari è stato sentito il ristoratore De Benedictis che ha riferito ai carabinieri: «Tutti sapevano» che alcune partite potevano essere state combinate.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy