Salvatori-Padova, si tratta sulla buonuscita

Salvatori-Padova, si tratta sulla buonuscita

Se n’è andato via senza nemmeno salutare», aveva commentato in modo eloquente il presidente. Era il 20 marzo scorso quando al Padova si consumava l’ennesima rivoluzione dell’èra Cestaro: l’esonero di Franco Colomba dopo la pesante e inappellabile sconfitta di Bari e il ritorno di Fulvio Pea sulla panchina biancoscudata tre mesi dopo il suo allontanamento, avvenuto a metà dicembre. Un ribaltone che ha innescato una reazione a catena. Spingendo innanzitutto il direttore sportivo Fabrizio Salvatori a rimettere il proprio mandato nelle mani del patron. Da quel 20 marzo, quando Salvatori incontrò il vice-presidente Lorenzo Cestaro negli uffici della Unicomm a Dueville, sono passate ormai quasi tre settimane. E la fine della telenovela, giunti a questo punto, sembra ormai prossima. Il cavaliere, infatti, ha chiamato a colloquio il diesse dimissionario all’inizio della scorsa settimana: alla Unicomm i due si sono confrontati, Salvatori ha potuto spiegare direttamente al presidente i motivi della sua scelta. Alla base della decisione vi sarebbe stata la mossa dello stesso Cestaro dopo la sconfitta di Bari: richiamare Fulvio Pea senza nemmeno avvisare il primo responsabile dell’area tecnica. L’ipotesi più probabile è quella di una risoluzione consensuale del contratto annuale di Salvatori, in scadenza a giugno ma con clausola di rinnovo automatico in caso di promozione in serie A, obiettivo al quale, attraverso i playoff, Cestaro crede ancora. Resta solo da definire la buonuscita che riceverà l’ex dirigente, dopodiché la separazione con la società verrà ufficializzata definitivamente. Dal ritorno di Pea alla guida del Padova si sono verificati cambiamenti che vanno oltre l’addio di Salvatori: da qualche giorno, infatti, a Bresseo non si vede più Luca Baraldi, mentre è ricomparso Gianluca Sottovia. Il consigliere delegato dell’area tecnica della società, preso di mira apertamente dalla tifoseria nelle ultime settimane, non è più presente, com’era solito fare quotidianamente, agli allenamenti della prima squadra. Se tutto questo sia il preludio ad una nuova uscita di scena, nonostante le (presunte) dimissioni respinte da Cestaro pochi giorni fa, non è dato sapere. Pare, però, che a fine stagione la separazione dal Padova sia comunque certa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy