Secco a PadovaSport: “Non abbiamo fatto niente, siamo ancora in debito con la piazza. Melchiorri? Geniale intuizione di Valentini”

Secco a PadovaSport: “Non abbiamo fatto niente, siamo ancora in debito con la piazza. Melchiorri? Geniale intuizione di Valentini”

Alessio Secco, ds del Padova, parla in esclusiva ai nostri microfoni dopo la bella vittoria di venerdì sera sul Varese.

Direttore, un risultato che allenta la tensione. Gli animi di tutti si erano un po’ troppo surriscaldati…

Questa vittoria non deve far cambiare di un centrimetro la nostra rotta, e nemmeno quindi diminuire la tensione. Certamente era quello che ci auspicavamo, ma non abbiamo risolto ancora nulla. Siamo ampiamente in debito con la piazza, solo dopo una serie di risultati positivi potremo forse tirare fuori la testa, ora evitiamo dichiarazioni che possono illudere. Resta una situazione molto negativa

Tre gol tutti insieme, un rigore a favore. Sembra che il vento sia cambiato.

E’ un risultato che ci voleva, una prestazione di cui avevamo bisogno. Per quanto mi riguarda acquista molta più valenza questo 3-2 se consideriamo che a un certo punto eravamo sotto. La rimonta è l’aspetto più positivo.

Mutti ha saputo fin da subito toccare i tasti giusti.

Come quasi sempre accade quando si cambia, c’è un’immediata risposta. Il merito va dato al mister che nella settimana di Desenzano ha lavorato sulla testa piu che sugli aspetti tecnico-tattici.

L’uomo copertina è Melchiorri. Una sorpresa per tutti noi, forse un po’ meno per voi…

Non amo parlare dei singoli, Federico è stata un’intuizione di Marco, che lo conosceva da molto tempo, essendo tra l’altro suo concittadino. Un’intuizione senza dubbio positiva, geniale, che assume un carattere ancor più fiabesco per la storia che lo ha contraddistinto e che tutti voi conoscete. Ma non dimentichiamoci degli altri, vedi Cuffa vero leader, preferisco attribuire il merito della vittoria con il Varese a tutta la squadra, nessuno escluso. Noi piemontesi siamo abituati a ragionare così.

Un’unica nota negativa, quei cori…

Come ho detto prima, nessuno di noi, io per primo, ha la sensazione di aver cancellato con un colpo di spugna un mese e mezzo difficile, mi sento ancora in debito con la piazza. Mi rallegro di questa vittoria ma ora dobbiamo continuare a lavorare e produrre risultati. I tifosi hanno diritto a esternare il proprio disappunto. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy