Trevisan agguanta il pari al 46′!!

Trevisan agguanta il pari al 46′!!

Commenta per primo!

PECARA   1

PADOVA  1

 

ore 19.20: arriviamo allo stadio che inizia a popolarsi di tifosi. nel settore ospiti presente una quindicina di tifosi biancoscudati del club “El Ponaro”. fa freddo questa sera, 12° la temperatura qui a Pescara

ore 19.30: in campo Perin e Cano effettuano il riscaldamento. Con loro anche Hallenius e Jidayi

ore 19.50: si completa la tribuna stampa (davvero scarna quest’oggi!): accanto a noi l’addetto stampa biancoscudato Massimo Candotti, i colleghi di Mediaset Daniele Garbo e Carlo Melina. Da Padova soltanto Stefano Edel del Mattino di Padova e il radiocronista Antonio Ammazzagatti

ore 20.12: arrivano le formazioni ufficiali: altra bocciatura per Osuji, Dal Canto gli preferisce Franco, che è al debutto in serie B.

PADOVA: Perin, Legati, Schiavi, Franco (27’st Trevisan), Renzetti, Bovo (22’st Osuj)i, Italiano, Marcolini (34’st Ruopolo), Cutolo, Cacia, Drame

A disp.: Cano, Jelenic, Milanetto Cuffa

All.: Dal Canto

PESCARA: Anania, Zanon, Romagnoli, Brosco, Balzano, Gessi, Togni, Cascione, Sansovini (22’st Soddimo) (45’st Kone), Immobile (32’st Verratti), Insigne

A disp.: Cattenari, Petterini, Maniero, Bacchetti

All.: Zeman

Arbitro: Massa di Imperia

Ammoniti: Schiavi, Italiano, Immobile, Zanon

Reti: 15’st Insigne, 46’st Trevisan

E’ iniziata la partitissima sotto gli occhi di 16.080 spettatori!

Come previsto le due squadre partono in attacco: entrambe nei primissimi minuti di gioco si propongono in area avversaria.  I biancoscudati fanno buona guardia alle incursioni pescaresi e sono abili e rapidi nelle ripartenze.

Al 7′ buona chance per il Padova con Cutolo che imbeccato da Drame si porta sul fondo e prova il tiro ma la sfera termina sull’esterno della rete. Al 10′ punizione per il Padova con Legatiche trova Cutolo ma Anania ci mette la pezza. Riparte il Pescara ma l’11 di Dal Canto lo sorprende in contropiede con un velocissimo Renzetti che crossa in area per Cacia, anticipato però di un soffio da Romagnoli. Sul ribaltamento di fronte Insigne e Immobile fanno paura a Perin ma il tiro centrale di Insigne termina a lato del palo alla destra del portiere biancoscudato. Al 13′ triangolazione Legati-Cutolo-Marcolini che però non va a buon fine per pochissimo. Recupera Italiano ma viene poi bloccato. Il Pescara si è scoperto e il Padova sta apporfittando degli spazi sfruttando la velocità degli esterni e le pennellate di capitan Italiano. Al 15′ rispondono i biancazzurri con Immobile ma il suo tiro finisce in presa sicura tra le braccia di Perin.

Al 19′ altro pericolo per i biancoscudati: Insigne tenta di beffare Perin ma il portiere di Latina, quest’oggi in tenuta arancio fluo, salva la propria porta. Al 24′ pennellata di Italiano che trova Legati, palla a Cutolo ma Zanon devia e Anania salva la propria porta. Capovolgimento di fronte e tiro a giro di Immobile: miracolo di Perin! Al 29′ Sansovini sulla destra trova un’autostrada ma Italiano d’esperienza lo aspetta, lo ferma e fa ripartire il Padova con un lancio lungo e preciso a cercare Cutolo che però viene anticipato di un soffio. Al 39′ colpo di testa di Cascione e Insigne sottoporta mette sul fondo: l’arbitro dà il corner, il Padova protesta e Insigne ammette. Si riparte da una rimessa dal fondo di Perin. Al 42′ ci prova dalla distanza Cutolo ma il suo tiro è centrale e Anania lo intercetta facilmente. Finale di primo tempo concitatissimo con una palla gol per parte per le due formazioni nel minuto di recupero. Si va negli spogliatoi sullo 0-0

il commento di Carlo Melina (Mediaset) al termine della prima frazione di gioco:

“Ho visto un Padova meraviglioso, molto tonico. Unica nota stonata Ousmane Dramè che fatica a tener palla. Ottimo anche il Pescara (squadra e tifosi), peccato per alcuni cori  alzatisi da un settore della tribuna in cui è esposto uno striscione dei Vigilantes Vicenza contro i padovani (pescaresi e vicentini sono gemellati, ndr). Sul piano del gioco eccellente la prova di Italiano e il primo tempo di Franco.”

La ripresa inizia sugli stessi ritmi del primo tempo. Al 7′ brivido per Perin: il tiro di Sansovini termina sull’esterno della rete. Un giro di lancetta e Immobile centra con potenza il palo alla destra di Perin, sul prosieguo dell’azione Sansovini tenta di sorprendere il portiere ma il giovanissimo numero 73 va in presa sicura. Il Pescara è in crecita, il Padova appare un po’ in calo. All’11 Franco si fa da solo più di metà campo ma entrato in area si fa anticipare dalla difesa pescarese. Poco dopo ci riprova Drame ma il suo tiro è per nessuno. Il franco-maliano è palesemente sottotono: bravo in fase di recupero e difesa, impreciso al momento di incidere. Al 13′ strepitosa parata in due tempi di Perin su Immobile. Applausi per il baby-fenomeno biancoscudato.

Al 15′ arriva il gol del Pescara: cross di Gessa (che si beve Dramè) per Insigne che la butta alle spalle di Perin.

Al 18′ risponde il Padova con Cacia ma si alza la bandierina del fuorigioco. Al 20′ punizione per Pescara: Togni sgancia un siluro che termina sul fondo dietro la porta biancoscudata. Al 22′ probabile infortunio muscolare (ci sembra si tratti della coscia destra) per Bovo che è costretto a lasciare il campo: al suo posto Osuji. Al 26′ altro cambio tra le fila biancoscudate: fuori Franco, dentro Trevisan. Al 33′ lancio precisissimo di Italiano a cercare Cutolo che dribbla un avversario ma non riesce a calciare a rete. Al 34′ Dal Canto si gioca il tutto per tutto richiamando in panchina un centrocampista (Marcolini) e inserendo un’altra punta (Ruopolo). Il Padova prova a sfruttare un corner ma l’azione è senza esito. Un minuto dopo sospetto fallo su Cutolo in area, ma le immagini tv tolgono il dubbio: il numero 11 è caduto da solo. Al 42′ ghiotta chance di pareggiare per il Padova con Cacia che davanti al portiere cicca la palla. Irriconoscibile oggi il bomber calabrese. L’arbitro indica 5 minuti di recupero: per il Padova gli ultimi 300 secondi di speranza.

E il primo minuto di recupero è buono per il Padova: Trevisan pareggia i conti!! Cutolo in area tira, sulla respinta la palla finisce a trevor che appoggia in rete. Un attimo di esitazione tra i baincoscudati per accertarsi che l’arbitro convalidi il gol, poi esplode la gioia del Padova che travolge letteralmente l’autore del gol.

Dopo 5′ minuti di tensione a mille, Massa di Imperia decreta la fine delle ostilita. Il Padova strappa in extremis un pari prezioso.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy