I tifosi ci scrivono, un po’ di chiarezza su Mauro Marotto

I tifosi ci scrivono, un po’ di chiarezza su Mauro Marotto

Commenta per primo!

“Perchè Mauro Marotto non fa qualcosa di concreto per il Calcio Padova, passando dalle parole ai fatti?”. Ce lo state scrivendo in tanti, ora più che mai visto il futuro societario sempre più incerto. Facciamo un po’ di chiarezza. 

1) il 7 maggio, in piena trattativa per la cessione del Calcio Padova da parte di Marcello Cestaro, il commercialista di Marotto, Giovanni Magrone, Baraldi e Pulcini si sono incontrati a Verona. Magrone ci scrisse questa mail, qualche giorno dopo il 7 maggio, in attesa di avere risposte da Baraldi e Pulcini: “Dopo l’incontro di Pulcini e Baraldi presso Emmepi srl in Verona con il commercialista di Mauro Marotto, incontro per il quale era stato richiesto da Padova Calcio il massimo riserbo, si spiega il latitare del dott Pulcini nell’inviare i documenti aziendali per contrattare la cessione del Padova Calcio a Marotto e soci, pronti con 4 milioni di euro. Il Padova Calcio allontana i Vecchiato, forse spaventati dai conti societari; Baraldi lascia per altri lidi…Cestaro forse non può cedere la società non aVendo nemmeno liberato le quote societarie dall’ultimo impegno di delibera dello scorso anno.Non ho mai assistito ad una trattativa cosi poco lineare e trasparente. Auspicabile una dichiarazione di Marotto in merito”.

2) Marotto (e soci) hanno atteso una risposta invano. La cessione del Padova è stata volutamente indirizzata da Baraldi-Pulcini verso Diego Penocchio. Perchè? Questo non lo sappiamo dire.

3) Marotto tra ottobre e novembre ha contattato Penocchio, offrendo la propria disponibilità a entrare in società. Penocchio ha risposto che si sarebbe fatto vivo… Non c’è più stato alcun incontro, nè colloquio tra i due, salvo un messaggio di auguri per Natale. Dev’essere chiaro che, al momento, non c’è nessuna intenzione da parte dell’attuale proprietà di aprire ad eventuali soci, figurarsi di vendere.

4) Qualcuno scrive che Marotto parla solo per farsi pubblicità senza fare nulla di concreto per il Padova, pretendendo solamente il biglietto omaggio per la tribuna. Eppure, in quale altra piazza esistono imprenditori-tifosi pronti a regalare oltre 2000 biglietti omaggio o a finanziare trasferte? 

5) Un collega qualche tempo fa scrisse, senza fare esplicitamente riferimento a Marotto ma riferendosi a lui, che il personaggio in questione non è credibile. Come è noto, il solo fatto che Marotto sia sponsor da più di due anni della nostra testata (non ne facciamo mistero, qualsiasi tipo di “media” vive di pubblicità, dal Mattino al Gazzettino, a qualsiasi tv locale) è un elemento sufficiente per non rendere Marotto un interlocutore credibile (secondo questa illuminata fonte).

In conclusione: ognuno si faccia la propria idea, ma è sbagliato dire, e ci sono prove concrete, che Marotto non si sia fatto avanti per rilevare il Padova (prima) e aiutare Penocchio (dopo). Marotto non avrà studiato ad Harvard o a Cambridge, non avrà il linguaggio forbito di Diego Penocchio, sarà un po’ ruvido e diretto nei modi di fare, ma è un tifoso, un padovano verace, un imprenditore giovane che ha disponibilità economica e passione. Personalmente non ho la sfera di cristallo e non posso sapere se Marotto sarebbe anche un bravo presidente del Padova. Eppure una chance, in futuro gliela darei. O perlomeno proverei ad ascoltarlo. (Ste.Via.)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy