La posta dei lettori (8/01). Infuria la polemica sulla chiusura dell’Euganeo

La posta dei lettori (8/01). Infuria la polemica sulla chiusura dell’Euganeo

Scriveteci a info@padovasport.tv oppure sulla nostra pagina facebook. In maiuscolo, il “tema” del messaggio precede il nome del lettore che ci scrive.

PETARDI, Giovanni: Mi sembra si stia creando un caos esagerato attorno allo scoppio di questi 3 petardi, evitando di parlare di problemi forse ben più gravi. Perchè nessuno parla dei 15 Euro di biglietto fatti pagare per la partita? (e siamo in serie D, prezzo alzato apposta perchè si sapeva del grande flusso di tifosi che sarebbe venuto a Valdagno), perchè nessuno parla dell’imponente schieramento di forze dell’ordine utilizzato domenica? (siamo sempre in serie D, e tutti gli agenti vengono pagati come straordinario, e li pagate voi con i vostri soldi!) forse è più facile andare contro un gruppo di tifosi rispetto altre caste!.

SCONFITTA VALDAGNO, Enrico: Ho visto la partita in tv, e si sono confermati un paio di difetti gia in precedenza evidenziati.

1) De Grassi e non voglio aggiungere altro, non è giusto infierire, ma neanche continuare cosi.

2) la manovra è Cunico-dipendente, anche con l’altovicentino lanci lunghi dei difensori, a saltare completamente il centrocampo. Ma a cosa dovrebbero servire i vari Mazzocco, Segato e Nichele, solo a far legna ?? non mi pare proprio e possono fare ben di piu.

3) Il nervosismo dilagante, Ferretti su tutti, anche se i difensori hanno giocato sporco su di lui e l’arbitro ha fatto finta di niente.

4) Parlato : va bene caricare la squadra, ma se poi li fai giocare solo con la foga e non con la testa, ti complichi la vita da solo e perdi contro squadre che fanno 1 tiro in porta. In tutte e due le sconfitte per 1-0 siamo stati in attacco per quasi tutta la partita ma con poca lucidità, tanta corsa e poco altro. Credo che i giocatori siano già abbastanza carichi e nervosi di loro per la maglia e le responsabilità che portano, Parlato dovrebbe pensare solo a farli giocare come sanno fare e basta.

Basta anche con sti lanci, palla a terra e andiamo su che quelli bravi davanti li abbiamo.

PETARDI, Gianni F.: Considerato che i botti sono partiti chiaramente dalla zona occupata dagli ultras Tribuna Fattori, perchè il giudice sportivo non opera come in serie A dove vengono chiuse solo le curve degli ultras? Chissà che in questa maniera finisca l’omertà che regna in quel settore. E che adesso qualcuno venga pure a dirmi che denunciare gli autori, che sicuramente sono identificabili,  è come fare la spia. Non basta cantare ” il Padova siamo noi” Lo so che sono in pochi i deficienti e appunto per questo la massa deve dissociarsi non a parole ma a fatti.

PETARDI, Cristian E.: Caro amico Eroe che hai sfidato le forze dell’ordine portando all’interno dello stadio 3 petardi e fatti esplodere di nascosto per il solo gusto di essere un Superiore,fai vedere la tua faccina a tutto il popolo BIANCOSCUDATO!!!!!! O sei un codardo pezzo di merda alcolizzato e drogato che alla domenica alle 14.30 non sai neanche più chi sei?????? COPATE merda infame!!!!!

PETARDI, Mauro: Per 3 coglioni restiamo tutti fuori. Siete solo dei pagliacci che non amano il Padova. Ora vediamo se gli “autorevoli” responsabili della Tribuna Fattori avranno l’intelligenza di tagliare fuori questi personaggi che recano solo danni o se come al solito parleranno per niente.

PETARDI, Paolo C.: scusate capoccia della fattori ma pensate che il nome che portate vi faccia onore come il grande gildo? siete talmente piccoli per le vostre leggerezze come magari le definite…quando magari sarete maturi per un pubblico adulto vi chiamerò tribuna fattori…grazie per avermelo ricordato.

PETARDI, Roberto M.: Ora i caporioni della fattori ci devono dire chi sono gli illuminati capaci di simili gesti o ne sono complici. Se non lo fanno non possono unire il nome fattori a simili delinquenti.

PETARDI, Francesco L.: Vorrei vedere adesso con il prossimo comunicato cosa scrive la tribuna fattori. Dovrebbe innanzitutto chiedere scusa a tutto il popolo biancoscudato. Poi come mai succedano in modo ripetuto tali episodi. Necessito delle spiegazioni e credo che sia lecito.

PETARDI, Riccardo: Cari ultras se avete le palle ora dovete dire chi è stato a tirare i petardi. Così paga la multa e non entra più in uno stadio. Per colpa sua ci rimette una intera tifoseria. Bastardo

PETARDI, Vania: si sapeva….complimenti a chi continua con questi atteggiamenti che creano solo danni.. adesso vediamo cosa succede perche’ q.no deve prendere in mano la situazione visto che nn e’ la prima volta…e questi amano il Padova….credo di amarlo piu’ io che lo seguo da casa..

PETARDI, Paola L.: Capisco che sia corretto portare un po’ di civiltà’ ,ma la cosa deve essere uguale per tutte le categorie , perché tifare una squadra e’ la stessa cosa sia in serie d che in serie b che in Serie A…..e allora coloro che hanno applicato queste multe e deciso di giocare a porte chiuse , mi dicano perché ieri sera durante la partita tra Juve e Inter si sono sentiti più di qualche petardo ….ma non mi sembra che la lega abbia deciso nessuna sanzione !!!! VERGOGNATEVI

PETARDI, Adriano: Adesso faciamo in modo di individuare quelle teste di ca….e facciamoli pagare l’equivalente dello incasso perso, per fare ragionare la gente bisogna far pagare e forse allora capiscono sennò. …

PETARDI, Marco: Io avrei una soluzione per Bergamin e Bonetto, meno costosa delle multe che dovranno continuare a pagare (ma pensate davvero che episodi del genere cesseranno solo per la squalifica dello stadio? E’ il loro modo di tifare, non lo cambieranno). Ingaggino 3-4 corpulente bodyguard, al primo petardo acceso, beh… fate voi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy