Derby, l’analisi tattica di Baldin

Derby, l’analisi tattica di Baldin

Allenatore di calcio e opinionista

di Redazione PadovaSport.TV

Ritorna il derby tra Padova e Cittadella ed è un peccato che ritorni a far parlare di se sotto di una categoria: il Cittadella è retrocesso dalla B e il Padova, rinato dalle sue ceneri, è risalito dalla D. Le due squadre si presentano all’appuntamento a pari punti anche se il Cittadella può vantare il fatto di dover giocare un recupero.

Mister Venturato propone il suo Cittadella in 4-3-1-2 o come preferisco dire in certe occasioni con il centrocampo a rombo con vertice basso Iori e vertice alto quel Chiaretti autore di un’ottima prestazione. Vertici esterni del rombo sono Bobb a destra e Paolucci a sinistra. Davanti la coppia d’attacco Litteri- Coralli. Con Alfonso tra i pali completano lo schieramento a quattro dietro Salvi, Scaglia, Pascali, Donazzan.

Mister Parlato schiera il 4-2-3-1 con Favaro in porta (Petkovic non è ancora al 100%), linea difensiva con Dionisi e Diniz esterni, Fabiano e Niccolini centrali. Questa volta ad affiancare Corti ci va Mazzocco, Cunico rimane posizionato dietro la punta Altinier e gli esterni sono a sinistra Petrilli e a destra Ilari.

La difesa del Citta fa ‘muro’ e concede poco alla fase offensiva del Padova che per altro cerca di avere un atteggiamento guardingo e controllare sul nascere le offensive granata. Iori-Bobb-Paolucci fanno buon filtro permettendo a Chiaretti di salire in cattedra e cercare di aprire la partita. Dopo il primo rigore il Cittadella potrebbe pensare di chiudere la partita ma in un paio di circostanze Favaro è molto bravo a tenerla in piedi. Mister Parlato allora fa un doppio cambio: dentro Bearzotti e Bucolo per Cunico e Ilari. Il Padova si mette speculare al Cittadella con Altinier e Petrilli davanti, Bearzotti dietro le punte Bucolo vertice basso, Mazzocco a destra e Corti a sinistra. Le novità sprigionano qualche idea, ma portano soprattutto l’occasione del pareggio per il Padova su rigore, con Altinier che sigla riporta nei binari una partita ‘difficile’.

Ma tra il 15′ e il 25′ del secondo tempo la partita prende una piega decisa. Dopo 7 minuti, sugli sviluppi di un calcio piazzato Pascali con stacco perentorio insacca per il 2-1. Passano 3 minuti e Fabiano rimedia una doppia ammonizione lasciando in 10 la squadra. Il mister patavino prova a rimanere in partita e si gioca un 4-3-2 per cercare di agguantare un pareggio abbassando Mazzocco e tenendo alto Petrilli, Venturato però risponde con Minesso prima e Schenetti subito dopo che danno ulteriore vivacità alla manovra granata permettendo a Litteri di fare un gran gol e chiudere la sarata.

Il Cittadella mercoledi recupera con la Pro Patria ultima a zero punti e se dovesse vincere sarebbe aggancio in testa!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy