Padova: dovevi fare quei tre punti!

Padova: dovevi fare quei tre punti!

Allenatore di calcio, opinionista sportivo, consulente calcistico

A mio avviso il Padova gioca un buona gara, va in vantaggio nel primo tempo, potrebbe raddoppiare e addirittura ammazzare la partita, ma non lo fa, subendo ad una manciata di secondi dalla fine del primo tempo il pareggio di un Succi anonimo fino a quel momento. Secondo tempo vigoroso con la voglia di trovare il guizzo vincente, ma gli spazi son chiusi, il Cesena difende con ordine costringendo il Padova ai tiri da fuori e a fermare le sue velleità su un palo interno colpito da Cutolo.

Partiamo proprio da Cutolo migliore in campo sabato: Bisoli in sala stampa dirà che in serie B un giocatore così non ce l’ha nessuno!

Mister Pea ritorna al 3-4-1-2 con la difesa confermata in blocco: Anania in porta Cionek-Piccioni-Trevisan nei tre dietro. A sinistra Renzetti e a destra viene riproposto Legati. A centrocampo in mezzo Viviani e Ze Eduardo. In avanti il solito trio con l’uruguaiano Granoche punta centrale, Cutolo e Farias ad alternarsi nel ruolo di rifinitore e seconda punta.

Bisoli propone un Cesena in 4-2-3-1 con Belardi in porta e linea difensiva da destra verso sinistra con Ceccarelli, Morero, Comotto e Caldirola. I due interni sono Iori e Meza Colli. A sinistra aperto parte D’Alessandro e a destra Lapadula. Succi punta centrale e DjoKovic che parte più arretrato.

Il Padova fa la gara: passa all’11 con Granoche e potrebbe raddoppiare in due occasioni con Farias. Mister Bisoli capisce che qualcosa non va e allora già al 27′ fuori DjoKovic e dentro Defrel che va a sinistra con D’Alessandro che passa a destra, Lapadula a far coppia centrale con Succi partendo alle sue spalle. E proprio D’Alessandro confeziona la palla gol che porterà al pareggio su un’errato intervento di Renzetti che decide di saltare andando a vuoto anzichè ricorrere da subito l’avversario.

Tutto da rifare e secondo tempo vigoroso del Padova che però trova un Cesena rinunciatario e pronto  chiudersi davanti alla sua area in undici.

Mister Pea cerca di far aggirare il Cesena ma tante volte la frenesia dei giovani biancoscudati fa mettere palle lunghe che non servono molto. Rimangono delle ottime conclusioni da fuori (Cionek, Cutolo e Farias) che complice Belardi e un palo sfortunato non sortiscono effetto.

Il Cesena in tutta la partita ha fatto due colpi di testa uno il primo tempo su azione e uno il secondo tempo su calcio piazzato e il gol prima descritto.

Peccato Padova avrebbero fatto molto comodo questi tre punti ma nel calcio si sa…a volte si raccoglie meno di quanto si semina!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy