Un altro risultato utile nonostante le assenze!

Un altro risultato utile nonostante le assenze!

Allenatore di calcio, opinionista sportivo, consulente calcistico

Ultima partita all’Euganeo per il Padova che tra le varie vicissitudini vuole cercare di chiudere in bellezza, ma stesso discorso vale anche per lo Spezia, squadra che per certi aspetti ha avuto un percorso simile a quello della squadra patavina, anche se quando era partita aveva ben altri spiriti e obiettivi.

Lo Spezia infatti, neopromossa, aveva potenziato moltissimo in estate per cercar quasi di fare un campionatao di vertice, ma l’andamento ‘balbuziente’ dell’andata e il ritrovarsi poi in piena zona retrocessione ha portato più o meno in coincidenza col Padova al cambio di allenatore e a virare sull’obbiettivo salvezza, raggiunto matematicamente ieri all’Euganeo.

Mister Cagni schiera la squadra in un 3-5-2 con Guarna in porta, centrale difensivo Goian, marcatore di destra Pasini e di sinistra Schiavi. I due esterni del cinque sono il bravo Piccini a destra (classe 92′ molto interessante) e Mario Rui a sinistra. In mezzo centrale Musacci, interno sinistro Porcari e destro l’ex capitano del Padova Bovo che ha ricevuto un commovente tributo sotto la curva Fattori. In attacco una bella coppia: Sammarco e Okaka.

Mister Pea raduna i ‘suoi resti’ e schiera il 3-4-1-2, modulo di partenza delle ultime uscite: Silvestri in porta, difesa a tre con Cionek e Trevisan in marcatura, Dellafiore centrale. I due esterni di centrocampo sono Rispoli a destra e Jelenic a sinistra, in mezzo Iori e De Feudis. Le punte sono Cutolo e Raimondi, mentre Ze Eduardo è il giocatore che dovrebbe giocare tra le righe supportando l’attacco e al tempo stesso dare una mano al centrocampo.

Lo Spezia parte con un po’ più di veemenza e cerca di prendere possesso della metà campo del Padova creandosi anche una bella occasione con Okaka. Ma i giocatori del Padova lavorano duro per riguadagnare terreno e creano una gran occasione con Cutolo che libera al tiro Ze Eduardo e guadagnano due punizioni molto pericolose. La Spezia cerca di addormentare la partita ma il Padova nella fase finale del primo tempo spinge bene a destra con Rispoli che crea due situazioni importanti: nella prima serve in mezzo per De Feudis che viene ostacolato al momento di chiudere l’azione. Nella seconda andiamo in gol con Ze Eduardo che irrompe di testa su una gran palla dello stesso Rispoli.

Nella ripresa lo Spezia vuole recuperare e preme, inserisce quasi subito Albaraccin e poco dopo Di Gennaro: un centrocampista offensivo per un difensore!

Il Padova perde forza davanti dove fatica a tener palla con un Cutolo in difficolta fisica e un Raimondi troppo solo e a volte un po’ testardo nel portarla. Ze Eduardo arretra nella linea dei centrocampisti passando al classico 3-5-2 forse non tanto per volere ma più per necessità.

Cionek commette una leggerzza e interviene su un incursione di Di Gennaro in area quando potrebbe invece accompagnarlo sul fondo e chiudergli il cross: rigore e pareggio.

Pea toglie Cutolo e mette il classe 95′ Voltan. debutto in B per un patavino ‘doc’!

Ma la partita non ha molti sussulti e si devono registrare solo una parata ‘plastica’ di Silvestri e un gran colpo di testa Rispoli su corner che potrebbe assegnare i tre punti al Padova!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy