Il caffè, tra storia leggenda e qualità

Il caffè, tra storia leggenda e qualità

Commenta per primo!

Italian Coffee news

Sono moltissime le leggende sulla scoperta o, per meglio dire, “l’invenzione del caffè“. Quello che si sa è che secoli, millenni fa la pianta cresceva già in Etiopia. Successivamente si è espansa a macchia d’olio fino ad arrivare ad oggi, dove i maggiori produttori mondiali sono: Brasile, Vietnam, Colombia ed Indonesia, a questi quattro giganti si aggiungono poi Messico, Guatemala, Onduras, Nicaragua Etiopia ed Ecuador.Durante i secoli i semi di questa pianta hanno dato vita a più di 500 varietà di caffè; di queste sono 3 le più conosciute: Arabica, Robusta e Liberica.

Cos’è la miscela del caffè, ne esiste una standard?

La composizione della miscela è l’aspetto più creativo nella preparazione di un caffè. L’assemblaggio delle varie qualità, o miscela, serve per equilibrare e compensare le caratteristiche di gusto, aroma e corpo. Per questo il caffè in tazza non è mai il risultato di una singola qualità, ma è quasi sempre, composto dall’unione di differenti tipi di caffè, provenienti da zone diverse. La percentuale tra Arabica e Robusta varia in relazione all’area geografica, e soprattutto dal gusto dei consumatori, infatti Il gradimento di una miscela dipende in massima parte dalle abitudini e dai gusti locali. Vi sono aree d’Italia, soprattutto al Sud, che preferiscono miscele composte dal 70-90% d’arabica e dal 30 al 10% di robusta.Altre zone preferiscono miscele formate anche dal 100% di qualità robusta o di arabica.

In ogni caso non tutte le miscele Robuste sono uguali, variano sensibilmente in base alla zona di provenienza. In India, Indonesia, Java e Nuova Guinea vi è una forte concentrazione di Robusta Lavati, dal carattere corposo e forte con sentori di cioccolata; molto diversi i sentori di Robusta Naturali più corposa ancora e dal carattere molto forte e legnoso, quest’ultima trova la sua zona di produzione in Indonesia e Vietnam oltre che in India. A questo punto ti chiederai come mai ci sono cialde e capsule che costano 50-60 centesimi altre 18-19 centesimi? Ma sopratutto questa differenza di prezzo è giustificata solo dalla materia prima?

La risposta è ovviamente NO.

In molti casi, grandi aziende produttrici ti fanno pagare per i loro testimonial, gli spot, i costi per le capsule lucenti ed altre voci non collegate al prodotto. Oggi però è finalmente possibile bere un caffè di ottima qualità e pagare poco? Scoprilo tu stesso con l‘esclusiva offerta degustazione, prova subito 10 cialde del miglior caffè pagando solo le spese di spedizione

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy