Alle 19 tocca al Citta: a Piacenza sfida drammatica

Alle 19 tocca al Citta: a Piacenza sfida drammatica

Che sia il destino a decidere. Il Citta si affida al fato: fare calcoli forse non ha più senso. Forse.

A Piacenza però bisogna fare punti e lì i calcoli sono facili: uno o tre. Lo zero non è contemplato. «Si sa – dice Claudio Foscarini – dobbiamo fare punti, vincere. Tra l’altro, l’Ascoli ha perso un altro punto (e probabile un altro -1 in arrivo, ndr) e questo ci dà un minimo di margine per poter fare ancora quel passo in avanti. No dobbiamo demoralizzarci, come non abbiamo fatto, né esaltarci per una vittoria. Adesso è solo il momento di pedalare».

Anche se sarà dura, senza Carteri, Manucci, Nassi e Scardina. «Tutti, tranne l’attaccante, hanno avuto dei problemi fisici che stanno risolvendo. Manucci è uscito sabato scorso durante la gara con l’Albinoleffe. Mente Nassi ha preso una botta in testa e non lo rischiamo. Bellazzini? Si sta allenando col gruppo ma non ha ancora nelle gambe i minuti minimi per rientrare».

Il Piacenza è lì a due punti (42). Una vittoria sarebbe il sorpasso chiave. «Daremo tutto. Non possiamo fare altro». I probabili 11 agiranno nella logica del 4-4-2. Con ali veloci e duttili e un Gabbiadini in più. Villanova; Gasparetto, Nocentini, Gorini, Marchesan; Job, Della Bona, Musso, Di Roberto; Gabbiadini, Piovaccari.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy