Bellazzini rimane a casa e scoppia il caso

Bellazzini rimane a casa e scoppia il caso

Commenta per primo!

Nella lista dei convocati per la trasferta di Ascoli non compare il nome di Tommaso Bellazzini, uno dei giocatori più rappresentativi del Cittadella. Dopo la voce del presunto litigio in spogliatoio con mister Foscarini, il centrocampista toscano ha faticato a trovare spazio. E quando è stato chiamato in causa non ha mai convinto del tutto, dimostrando di essere davvero una brutta copia del talento ammirato l’anno scorso (e capace di finire il campionato addirittura in doppia cifra quanto a reti fatte). Intanto anche l’esperto giornalista Alfredo Pedullà sottolinea il suo scarso rendimento, che inevitabilmente ha abbassato il valore di mercato raggiunto nella passata stagione: “Tra i pochissimi sacrifici fatti all’interno di una campagna acquisti pessima – scrive Pedullà – il Cittadella aveva deciso di trattenerlo. Ma il Bellazzini di questa prima parte di campionato è irriconoscibile, al punto che è finito anche in panchina. E quando ha giocato mai si è avvicinato ai livello del campionato che lo aveva consacrato. A 23 anni (da compiere) si è ancora in tempo a recuperare il terreno perduto, ma serve una svolta immediata. Altrimenti i suoi estimatori si rivolgeranno altrove”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy