Cittadella, c’è tanta curiosità 

Cittadella, c’è tanta curiosità 

Ci siamo. Da stasera si comincia a fare sul serio, con i primi tre punti in palio della nuova stagione. Al Tombolato il Cittadella si gioca il passaggio al terzo turno della Tim Cup, avversario il Verona di Giuseppe Giannini, che sino all’ultimo ha sperato nel ripescaggio in serie B.

L’obiettivo della squadra granata è quello di arrivare pronta per la prima di campionato, domenica prossima a Portogruaro, ma questa sera Claudio Foscarini si aspetta risposte importanti dal suo gruppo, proprio in ottica-campionato. Del resto il Cittadella è da sempre molto interessato alla Coppa Italia, fin da quando era presidente Angelo Gabrielli che ci teneva in maniera particolare alla manifestazione, e anche l’anno scorso i granata sono arrivati a giocarsi il passaggio agli ottavi di finale con il Napoli. Al pari dei tifosi, anche Foscarini è curioso di vedere in campo la sua squadra, per testare i progressi fin qui compiuti: «Mi attendo un ulteriore passo in avanti da parte del Cittadella, anche a livello di mentalità, dal momento che in Coppa Italia si punta al risultato, al passaggio del turno». Foscarini si attende miglioramenti a 360 gradi: «Rispetto al triangolare di Caorle ci devono essere nella condizione fisica, nell’atteggiamento mentale, sempre improntato alla ricerca della vittoria, nel modo di stare in campo, per mettere in pratica tutto quello che viene provato giorno dopo giorno negli allenamenti».

A che punto è il Cittadella? «Difficile dirlo con esattezza, perché i giocatori non sono tutti allo stesso livello. Qualcuno infatti può definirsi già al top, altri invece sono più indietro di condizione pur avendo lavorato sempre bene». Il paragone rispetto a un anno fa? «Le potenzialità ci sono anche in questo Cittadella, bisogna calarsi bene nella categoria, e a livello di apprendimento siamo attardati qualcosina rispetto allo scorso campionato».

Per quanto riguarda la formazione, Foscarini non anticipa niente: «Posso soltanto dire che manderò in campo coloro che finora si sono distinti più degli altri». Le porte, però, sono aperte a tutti, come tiene a precisare il tecnico: «Può darsi che in settimana cambi qualcosa. Se avrò indicazioni positive da parte di qualcuno, anch’io agirò di conseguenza». I nuovi arrivati in questo senso promettono lavoro e sacrificio: «I propositi sono davvero buoni, e rappresentano il primo passo per crescere e maturare. Vedo entusiasmo e impegno da parte di tutti, adesso bisogna concretizzare con i fatti. E anche l’allenatore, in questo senso, deve riuscire a mettere i propri giocatori nelle condizioni migliori per fare bene». Al Tombolato si aspetta una grande risposta da parte dei tifosi? «C’è l’incognita-Ferragosto alle porte, quindi può essere che il pubblico non risponda in modo massiccio al richiamo della prima stagionale in casa».

Per la formazione, anche se il tecnico granata non ha voluto sbilanciarsi, con il Verona vedremo grosso modo l’undici sceso in campo con il Bari nel triangolare di Caorle, con Scardina a guidare la difesa, Dalla Bona-Magallenes in mediana, e Gabbiadini-Bellazzini coppia d’attacco.

Biglietti. Sono 860 i biglietti venduti in prevendita a ieri sera. Per il settore ospiti, sul circuito TicketOne, ne sono stati venduti 330, quindi ci sarà una buona affluenza di pubblico anche da Verona. La società ricorda che sarà possibile acquistare i biglietti in prevendita anche stamattina alla sede di via Cà Dai Pase fino alle 12, e sempre questa mattina sarà sospesa l’emissione degli abbonamenti, che riprenderà lunedì 16 agosto alle 9. I cancelli dello stadio Tombolato apriranno alle 17.30, e alla stessa ora saranno aperte anche le biglietterie. Cittadella-Verona si giocherà alle 20.30, chi passerà il turno farà visita al Brescia.

Abbonamenti. Prosegue bene la campagna abbonamenti del Cittadella, nonostante la “tessera del tifoso” abbia allontanato per il momento la tifoseria organizzata, gli Ultras, che hanno deciso di non abbonarsi al settore loro dedicato.

Fino a ieri sera le tessere sottoscritte erano circa 850, una cinquantina in più rispetto allo scorso anno alla vigilia del debutto nella Tim Cup

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy