Cittadella-FeralpiSalò, la rabbia di Pascali: “Se la rigiochiamo altre nove volte vinciamo sempre noi”

Cittadella-FeralpiSalò, la rabbia di Pascali: “Se la rigiochiamo altre nove volte vinciamo sempre noi”

Commenta per primo!

C’è delusione in casa granata dopo la sconfitta interna di ieri subita nella sfida di cartello contro il FeralpiSalò che è costato ai ragazzi di Venturato il primo posto della classifica a vantaggio dell’Alessandria. La partita contro i Leoni del Garda di ieri è stata la classica gara in cui tutto quello che poteva è andato storto per i padovani e il capitano per l’occasione, Manuel Pascali, non può che far trasparire la rabbia che serpeggiava all’interno dello spogliatoio dopo la partita: “C’è tanta amarezza, perché oltre al primo posto in graduatoria abbiamo anche perso per la prima volta davanti ai nostri tifosi. Abbiamo concesso un paio di ripartenze che si potevano evitare perché sapevamo che il FeralpiSalò avrebbe interpretato così la partita ma oggi il pallone non ne voleva sapere di entrare nella porta avversaria”. Il Cittadella ha comunque giocato una buona gara e a testimoniarlo il fatto che il portiere avversario sia stato eletto da tutti il migliore in campo, ora bisogna ripartire subito, dalla prestazione dunque che deve comunque dare fiducia per il futuro: “Siamo arrabbiati, ci siamo creati dei problemi da soli. Abbiamo comunque creato una decina di occasioni, con due gol annullati che vorrei rivedere, se rigiochiamo una partita così altre nove volte la vinciamo sempre noi”. Pascali non vuole attaccarsi alle assenze (ieri mancava capitan Iori) ed è comunque convinto che la squadra non subirà nessun contraccolpo psicologico: “Iori è uno dei leader, ma durante la stagione capiteranno altre defezioni, noi dobbiamo essere più forti. Ora ripartiamo a testa bassa, andiamo a Cremona a riprenderci i punti persi. Se giochiamo come nell’ultima mezz’ora possiamo vincere contro chiunque”.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy