Cittadella-Grosseto, le pagelle

Cittadella-Grosseto, le pagelle

Piovaccari trascinatore, Nassi un fantasma. Convince Dalla Bona nel nuovo ruolo.

Commenta per primo!

Villanova 5,5: Esce malissimo in occasione del gol del Grosseto. Regala un calcio d’angolo nella ripresa. Torna prepotentemente d’attualità la “questione-portiere” in casa Cittadella.

Manucci 6: Terzino bloccato: mai una sortita offensiva, zero assist. Ma il lavoro difensivo lo svolge sempre bene. E oggi non deve strafare per arginare l’attacco toscano, davvero troppo leggero.

Gorini 6: Spaesato a inizio gara, poi ingrana e non lascia più passare niente. Conferma, in questo momento, di essere più affidabile di Gasparetto

Scardina 6: Sul gol anche lui ha qualche responsabilità, Freddi può concludere liberamente sull’angolo battuto da Allegretti. L’ex difensore del Vicenza però si rifa nella ripresa e, come il suo compagno, non sbaglia più niente.

Teoldi 6: Poco propositivo, ma anche lui chiude in crescendo la partita. Ha superato per ora Marchesan nell’eterno gioco a staffetta di Foscarini.

Dalla Bona 7: Abbandona il suo ruolo “storico” in mezzo al campo, e si ricicla come interno destro. La prova di oggi lo premia: assist vincente a Piovaccari e perla su punizione.

Musso 6,5: Gioca da regista basso nell’ormai consolidato 4-3-1-2 di Foscarini. Offre copertura alla difesa e quando, fatalità, si sposta, i granata concedono qualche punizione dal limite di troppo.

Volpe 5,5: Spostato a sinistra parte male ma poi nella ripresa offre una prestazione di buon livello.

De Gasperi 5: Perde tanti, troppi palloni. Offre il fianco alle ripartenze del Grosseto e quando si tratta di concludere in porta è sempre assente ingiustificato. Un rebus il suo continuo utilizzo, e sì che Bellazzini questa posizione la può coprire molto bene (lo ha dimostrato anche oggi).

Nassi 4: Anticipa la notte di Halloween travestendosi da fantasma errante. Peccato faccia paura solo ai suoi compagni per le occasioni che spreca (l’assist di Piovaccari grida ancora vendetta). E’ fuori forma e non sembra neanche particolarmente motivato.

Piovaccari 7,5: In sala stampa lo ripetono tutti come una litania (“non siamo dipendenti da Piovaccari”). In questo momento invece l’ex Ravenna è anima e core di questo Citta: corre per tre, tiene alta la squadra, e segna con continuità. Un autentico trascinatore, peccato che spesso predichi nel deserto del Gobi.

(Bellazzini dal 75′) 6,5: Pecca di egoismo dopo un’azione delle sue (sceglie di concludere in porta invece che servire Perna), ma tutto sommato risponde bene alle critiche piovute copiose nei suoi confronti.

(Perna dal 59′) 6: Tanta buona volontà, la voglia di tornare a essere nel giro dei titolari è tanta e si vede

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy