Cittadella, Nassi pronto al debutto

Cittadella, Nassi pronto al debutto

Non sarà il “salvatore della patria”, colui che risolverà tutti i problemi con un colpo di spugna, ma il Cittadella aspetta Maurizio Nassi a braccia aperte.

L’attaccante, ultimo arrivato in casa granata, non vede l’ora di scendere in campo: fosse dipeso da lui, avrebbe giocato anche con l’Empoli. «Di comune accordo con la società, abbiamo deciso di lavorare una settimana con il preparatore per migliorare la condizione fisica, ma in questi giorni mi sto allenando regolarmente con i compagni. Faccio tutto quello che fa la squadra, ormai ci siamo. Mi manca soltanto la partita».

A Livorno, probabilmente, arriverà la chiamata di Foscarini: «Che parta dal primo minuto o che venga chiamato a gara in corso, mi basta giocare». Vedendo il Cittadella da fuori, in tribuna, che idea si è fatto Nassi della squadra e del momento particolare che sta vivendo? «Ho visto entrambe le gare, sia quella di Vicenza sia quella con l’Empoli, e non posso dire che il penultimo posto in classifica rispecchia quanto stiamo facendo. La squadra è viva, e lo dimostra il recupero di due gol nell’ultima giornata. Il valore del Cittadella è ben diverso dai punti che attualmente si ritrova». Qualche problema, comunque, è evidente: «Dobbiamo essere più attenti e cattivi, perché certi gol al 93′ non si possono prendere. Le potenzialità per venirne fuori comunque ci sono: con il lavoro e il sacrificio di tutti, il Cittadella inizierà un altro genere di campionato».

Che contributo potrà dare alla squadra? «Da parte mia posso garantire grinta e determinazione, oltre a una certa esperienza maturata in tanti anni da calciatore. Spero anche un buon numero di gol. Ovviamente sarei stupido a dire che sono al cento per cento, ma ho tanta voglia di giocare, e non mi tirerò mai indietro». Un giudizio sul reparto offensivo: «Negli allenamenti stiamo provando diverse situazioni, e posso coesistere con chiunque. I nostri attaccanti sono buoni, all’altezza della categoria, e lo dimostreranno. Personalmente voglio migliorare quanto fatto a Mantova, spero di riuscirci».

Ieri intanto ha lavorato ancora a parte Nocentini, mentre Gabbiadini, terminato lo stage con l’Under 20, rientrerà a Cittadella in serata.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy