Foscarini: “Nel secondo tempo c’è stato un black-out, non me lo spiego. Sono il primo che si mette sempre in discussione”

Foscarini: “Nel secondo tempo c’è stato un black-out, non me lo spiego. Sono il primo che si mette sempre in discussione”

Commenta per primo!

A breve, tutte le dichiarazioni dei protagonisti di Cittadella-Spezia.

Mangia: “Siamo passati dalla traversa, al gol infine all’espulsione. Non abbiamo mollato e siamo stati bravi. Abbiamo cambiato qualcosa a fine primo tempo e ci siamo adattati bene. Lo spirito di sacrificio e l’atteggiamento giusto c’è stato. Nell’intervallo abbiamo spostato qualche giocatore e ho cercato di dare serenità perchè nel primo tempo siamo stati troppo frenetici.”

Busellato: “C’è poco da dire, dobbiamo scusarci. Sappiamo che abbiamo fatto male. Dobbiamo seguire il mister in allenamento e cercare di cambiare mentalità. Non penso che l’espulsione ci abbia condizionato più di tanto. Non so nemmeno io come commentarla, non ci credo ancora. La condizione? Abbiamo lavorato bene in questo mese, non penso sia stato un problema di tenuta fisica. Dobbiamo assolutamente arrivare alla salvezza, siamo tutti uniti. A Terni dobbiamo vincere.”

Foscarini: “Non so cosa sia successo nel secondo tempo, è stato un black-out. Non abbiamo avuto l’atteggiamento che volevamo. La superiorità numerica magari ci ha condizionato. Nel primo tempo abbiamo fatto bene, abbiamo creato con la giusta mentalità, meritando il vantaggio. Mi spiace che ci siamo complicati da soli la vita, sia per la partita di oggi che in campionato. Nel secondo tempo volevamo continuare come nel primo per chiudere la partita, ma non l’abbiamo fatto. Il Cittadella del primo tempo è una squadra promossa, con l’atteggiamento giusto. Il Cittadella del secondo tempo invece è da bocciare. Rinforzi? In questo momento serve di tutto, da difensori ad attaccanti. La squadra comunque deve essere più compatta a livello difensivo. Ferrari è stato molto bravo, ma noi avremmo dovuto esserlo di più. Nel primo tempo la squadra mi è piaciuta, forse abbiamo creato troppo poco. Abbiamo avuto un baricentro alto rubando così molti palloni dalla metà campo. I gol? Abbiamo dei movimenti fissi da fare e quando non li facciamo, andiamo in difficoltà. Di Roberto? Nunzio sta pensando solo al Cittadella in questo momento, e oggi si è visto. Per il mercato chiedete a lui. Mercato? A babbo natale chiederei un po’ di tutto, difensori e attaccanti. Il cruccio non è chi arriverà, ma portare i giocatori che ho al loro livello massimo, a rendere al 100%. Sono convinto che la rosa possa dare molto. Agli allenamenti si allenano tutti al 110%. Donnarumma? Avevamo pianificato che giocasse in questo modo, allargandosi sulla sinistra. Poi verso la fine l’ho spostato più avanti. L’unico problema è che il nostro baricentro si è abbassato molto e non abbiamo aggredito più i loro portatori di palla. Il gol annullato? Di solito non commento le decisioni. Dico però che mi ha dato fastidio perchè saremmo andati in vantaggio. Mi sembrava regolare dalla panchina e mel’hanno confermato post partita. Mi dispiace, anche perchè siamo stati poco fortunati finora nelle scelte arbitrali. Futuro? Sono il primo che si mette in discussione, dopo vittorie o sconfitte. Guardo cos’ho fatto e cosa no, mettendomi così in discussione. Non è perchè sono da 10 anni qui non lo sono, anzi, ripeto: sono il primo che si mette in discussione ogni volta.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy