Il Citta pareggia a Torino, un punto d’oro

Il Citta pareggia a Torino, un punto d’oro

Commenta per primo!

Marcatori: st 36’ Sgrigna, 39′ Di Roberto

TORINO: Coppola, D’Ambrosio, Di Cesare, Ogbonna, Zavagno, Verdi (st 10’ Guberti), Vives, Iori, Oduamadi( st 38’ Basha), Antenucci (st 15’ Sgrigna), Bianchi. A disp. Gomis, Darmian, Pratali, Ebagua. All. Ventura

CITTADELLA: Cordaz, Martinelli, Gasparetto, Pellizzer, De Vito, Bellazzini, Branzani (st 25’ Baselli), Schiavon, Job (st 21’ Di Roberto), Di Carmine, Maah (st 43’ Marchesan). A disp. Pierobon, Scardina, Magallanes, Martignago. All. Foscarini Note: serata calda ma ventilata, terreno in perfette condizioni, spettatori 16.000 circa. Ammoniti Vives del Torino. Calci d’angoli 3 a 1 per il Cittadella (pt 0 a 1 ), recuperi pt 1’, st 3’.

La partita, molto sentita dall’ambiente visto che è il debutto degli uomini di Ventura al ‘Comunale’, naturalmente inizia con l’incitamento del numeroso pubblico granata e i giocatori in campo spingono subito sull’acceleratore anche se di precisione non c’è ne molta. Passano i minuti e si vede qualche trama di gioco che porta pericoli verso le due porte. Al 10’, dopo che un minuto prima l’azione personale di Oduamadi che fa terminare il tiro sull’esterno della rete, è Job che da sinistra mette in mezzo per Maah che di testa anticipa tutti ma mette purtroppo a lato, ed è lo stesso francese che da sinistra mette in mezzo mettendo in apprensione la retroguardia di casa al 14’ e poi in qualche maniera libera. Al 19’ ancora Maah va via da solo attira su di se i difenori e serve al centro il liberissimo Job che non incoccia bene la palla e l’azione sfuma, Il Cittadella prende coraggio. Al 38’ Maah va via in velocità viene fermato fallosamente al limite dell’area e l’arbitro non concedeil vantaggio visto che di Carmine era andato alla conclusione: la susseguente punizione di Bellazzini termina alta. Sulla ripresa in gioco è bravo Antenucci ma il suo cross non viene sfruttato da nessuno dei suoi. Nella ripresa al 5’ il Cittadella va in avanti e c’è bel dialogo al limite dell’area tra Maah e Di Carmine con un colpo di tacco a liberare il franco-camerunense ma la conclusione viene messa in angolo; sul proseguimento dell’azione la difesa del toro si impappina e ancora Maah viene murato all’ultimo all’altezza del dischetto. Al 9’ il Torino tiene palla al limite dell’area del ‘Citta’ e il pallone arriva a destra dove Bianchi controlla ma il suo destro in diagonale è largo. Su azione d’angolo, siamo al minuto 11’, la palla lunga sul secondo palo, vicino al fondo, viene colpita di testa da Pellizzerer che indirizza sul palo opposto ma non trova lo specchio a portiere lontano. Insistono i ragazzi di Fscarini e tocca a Branzani tentare la via della rete dopo uno scambio con Job al 20’ ma il suo destro da dentro area è smorzato da un difensore e Coppola si accartoccia a terra. Al 33’ ancora Cittadella che imbasti che una pregevole azione sul limite dell’area avversaria confezionata da Maa e Di carmine: la punta toscana serve un pallone d’oro al ‘conterraneo’ Bellazzini che da posizione defilata ha il tempo di mirare ma il suo destro esce a fil di palo. Sul capovolgimento di fronte è Bianchi a servire largo Oduamadi ma la conclusione è da dimenticare. Ma è la successiva azione che potrebbe decidere la partita: Sgrigna conquista palla sulla destra entra in area dal fondo e il suo sinistro beffa sotto le gambe Cordaz e termina lemme lemme in rete. Il Cittadella non si demoralizza e dopo tre minuti torna meritatamente sulla parità con una rete sottomisura di Di Roberto, il cross è di Maah da sinistra, e anche qui il pallone rotola piano piano in rete lambendo il palo interno. I padroni di casa tentano il tutto per tutto e al 44’ Cordaz chiude la palo a Guberti, che aveva provato il destro rasoterra da entro l’area, e dopo il rigore parato con l’AlbinoLeffe certifica un pareggio all’Olimpico. Alla fine dunque un punto meritatissimo portato a casa con il cuore Citta

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy