Maxi squalifica, Coralli si difende: “Il guardalinee ha offeso i miei familiari”

Maxi squalifica, Coralli si difende: “Il guardalinee ha offeso i miei familiari”

È arrivata la stangata per Claudio Coralli e il Cittadella. L’attaccante è stato squalificato per quattro giornate dal Giudice Sportivo «per avere, al termine della gara, contestato l’operato arbitrale proferendo un’espressione blasfema; inoltre assumeva un atteggiamento intimidatorio rivolgendo espressioni ingiuriose ad un assistente» (nella foto). La partita incriminata è quella di sabato a Crotone. Il bomber toscano, al quale era stato annullato un gol al 90′ sul punteggio di 2-0 per i calabresi, ha perso la testa andando ad inveire contro l’arbitro Pasqua di Tivoli e l’assistente Chiocchi di Foligno, beccandosi il cartellino rosso a gara già terminata. Coralli salterà non solo la gara di sabato contro il Carpi, ma anche l’atteso derby con il Padova e le sfide contro Brescia e Avellino. «Speravo in una sanzione più morbida», spiega Coralli. «A fine partita ero stato a colloquio con gli arbitri e ci eravamo chiariti. Pensavo mi dessero un paio di giornate. Invece quattro sono davvero tante. Ho sentito e letto sui social network tante inesattezze sulla questione. Dopo il gol annullato sono andato a chiedere spiegazioni all’assistente, che mi ha risposto offendendo i miei affetti. Quando ho sentito chiamata in causa la mia famiglia non ci ho più visto. Tra l’offesa e la sconfitta ho perso la testa, sbagliando». Coralli chiede scusa. «Mi sento di scusarmi con la società, la squadra e il dg, ma non con la città. Ho sentito dire che io non ci terrei al Cittadella. Se così non fosse non avrei di certo reagito in quel modo». Il Cinghiale ha già ricevuto le ramanzine di Foscarini e Marchetti e ora attende la multa da parte della società. «L’allenatore e il Direttore sono rimasti delusi. Mi hanno detto che non si sarebbero mai aspettati da me una reazione del genere. Se c’è da pagare una multa è giusto che io la paghi. Avrei voluto dare una mano alla squadra. Brucia saltare il derby, ma anche il Carpi. Mi ripresenterò al top nelle ultime 10 giornate». «C’è grande rammarico», commenta il dg Stefano Marchetti. «Non abbiamo ancora deciso se fare ricorso. Coralli ha indubbiamente sbagliato, ma è un ragazzo che ci tiene alla maglia. Perdiamo Coralli in un momento di emergenza. Senza Coralli, Perez e Piscitella in attacco sarà ancora più difficile la scalata salvezza». La squadra. Sono state confermate ieri anche le squalifiche di Perez e Di Donato, che salteranno come Coralli la gara contro il Carpi. Nell’allenamento di ieri hanno lavorato a parte Piscitella, De Leidi e Paolucci. A riposo Donnarumma per un problema al flessore.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy