Cittadella, il preparatore Redigolo: “In Supercoppa conterà più l’aspetto mentale di quello fisico”

Cittadella, il preparatore Redigolo: “In Supercoppa conterà più l’aspetto mentale di quello fisico”

Smaltita l’euforia post-promozione, che si è protratta per una ventina di giorni tra feste e celebrazioni varie, il Cittadella torna oggi a lavoro per preparare al meglio l’appendice di campionato rappresentata dalla Supercoppa di Lega Pro. Tre incontri per decretare la squadra più forte dei tre gironi, con la truppa di Roberto Venturato che entrerà in scena dal secondo turno, mercoledì 18 maggio.
Come lavoreranno i granata per farsi trovare pronti all’appuntamento? Ecco le parole del preparatore atletico Andrea Redigolo, intervistato dal Gazzettino: “Nell’ultima partita di campionato ho visto abbastanza bene i ragazzi, considerando il periodo dell’anno in cui ci troviamo. L’intensità di gioco non è stata affatto male, quando abbiamo provato a spingere per recuperare il doppio svantaggio il Cittadella si è mosso bene. Domenica poi faceva caldo”.
Come è normale dopo un’annata del genere i  granata hanno leggermente alzato le mani dal manubrio ma non hanno certo smesso di lavorare: “Abbiamo ridotto il numero degli allenamenti e aumentato il riposo. Anche l’attenzione mentale è diminuita, com’era logico che avvenisse dopo la promozione. I ragazzi comunque quando sono chiamati a lavorare l’hanno fatto bene, come sempre. Qualcuno si è allenato anche in questi due giorni di riposo, seguendo un programma di mantenimento concordato. Lavoreremo con il pallone, cercando di tenere un po’ alta l’intensità. Sabato poi è prevista un’amichevole (a Rosà alle 15.30, ndr), utile per non perdere il ritmo-partita”.
Il calendario della Supercoppa ha inoltre costretto i granata a due partite ravvicinate: andranno in campo sia mercoledì che domenica tra l’altro non sapendo ancora dove scenderanno in campo per la prima gara: “Ci sono due aspetti da valutare, quello fisico e quello mentale. È una volata, due autentiche finali ravvicinate. Servono intensità e brillantezza mentale, ci saranno soprattutto partitine, intervallando qualche seduta improntata sulla forza. Arriveremo tutti allo stesso modo, dopo aver festeggiato la promozione. Ogni aspetto è importante, ma nelle partite secche quello mentale è decisivo”.

Intanto da ieri è ufficiale: anche l’A.S. Cittadella dalla stagione 2016/17 avrà il settore giovanile femminile. Sarà un processo graduale, quello della svolta “rosa” nel vivaio granata, che partirà proprio dalla Scuola Calcio, come richiesto dalle nuove normative FIGC. Ad occuparsi di questo progetto sarà il Prof. Claudio Conte, già responsabile dell’attività di base della società. Conte, in stretta collaborazione con il responsabile delle giovanili Lucio Fasolato, allestirà per la stagione 2016/2017 una formazione Under 12 di almeno 20 giovani tesserate che andrà poi pian piano crescendo negli anni arrivando nel 2018/19 ad avere due formazioni: una Under 15 e una Under 17.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy