Cittadella-Lumezzane, le sensazioni dagli spogliatoi. Venturato: “Le dieci vittorie fanno piacere ma restiamo con i piedi per terra”

Cittadella-Lumezzane, le sensazioni dagli spogliatoi. Venturato: “Le dieci vittorie fanno piacere ma restiamo con i piedi per terra”

Commenta per primo!

Ecco le voci raccolte dagli spogliatoi al termine di Cittadella-Lumezzane, gara che è valsa la decima vittoria consecutiva ai granata pur con il grande brivido finale con il rigore del pareggio fallito da Sarao nell’ultimo minuto di recupero.

Roberto Venturato: “Sarebbe stato un vero peccato non portare a casa una vittoria così meritata. Dobbiamo però renderci conto che un episodio può costare la partita. Nel primo tempo non siamo stati brillanti. Non era facile trovare spazi fra le linee come ci eravamo proposti di fare, anche perchè il Lumezzane si è dimostrato squadra ben organizzata che ha gamba e corsa. Nella ripresa siamo usciti noi, anche perchè l’avversario aveva speso molto, sbloccando subito il risultato e tenendo bene il possesso palla con la squadra che ha giocato alta. Sapevamo che il Lumezzane ci poteva mettere in difficoltà nella zona centrale, in certe situazioni siamo riusciti a fare bene, ma dobbiamo fare meglio. Comunque non abbiamo concesso un tiro in porta, mentre noi potevamo e dovevamo chiudere il risultato sul 2-0. Non ci siamo riusciti, per cui dobbiamo porci l’obiettivo di crescita finalizzando meglio le occasioni da rete che costruiamo. Il rigore di Nava? Il giocatore mi ha detto che è scivolato e non è riuscito ad evitare il contatto con l’avversario. L’episodio può succedere, noi però dovevamo prima mettere al sicuro il risultato. Queste sono partite che contano doppio sia per noi che per loro, che vogliono evitare i play out. Fanno piacere le dieci vittorie consecutive, ma noi dobbiamo essere bravi a tenere i piedi per terra. Adesso pensiamo alla trasferta di giovedì a Mantova”.

Filippo Lora: “Abbiamo faticato nel primo tempo perche il Lumezzane si chiudeva molto bene, noi comunque siamo stati bravi a impedire le loro ripartenze. Il mio gol a inizio ripresa ha sbloccato la partita. Riuscire a segnare in modo decisivo è il massimo delle soddisfazioni. La dedica è per i miei compagni perchè il gol è frutto del lavoro di tutti. Il rigore finale? Siamo stati fortunati, mai come in questo caso però la dea bendata ha aiutato chi aveva meritato in campo, soprattutto nel secondo tempo”.

Stefano Marchetti: “Abbiamo affrontato la squadra più in forma del momento vincendo con merito. Faccio un elogio ai giocatori per questo record di dieci vittorie consecutive, ma l’obiettivo non è stato ancora raggiunto, anche se ora è più vicino. Ringrazio i tifosi che cantano e ci sostengono per tutta la partita, ma non mi sono piaciuti coloro che hanno fischiato a fine primo tempo. Visto quello che sta dando questa squadra, non si merita di essere fischiata”.

Andrea Gabrielli: “Nel secondo tempo è uscito il vero Cittadella, creando parecchie occasioni, peccato non essere riusciti a chiudere la partita. Dieci vittorie consecutive rappresentano sicuramente una bella cavalcata, ma l’obiettivo non è stato ancora raggiunto, perciò dobbiamo restare sul pezzo che ci impone massima attenzione e concentrazione. Ogni partita può riservare sorprese, vedi il calcio di rigore del Lumezzane nei minuti di recupero”.
 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy