Cittadella, Strizzolo: “Concorrenza stimolante, in un campionato lungo ci sarà spazio per tutti”

Cittadella, Strizzolo: “Concorrenza stimolante, in un campionato lungo ci sarà spazio per tutti”

Luca Strizzolo è uno dei volti nuovi del Cittadella targato serie B. Per l’attaccante sarà la prima volta tra i cadetti, categoria che si è guadagnato dopo un buonissimo campionato in Lega Pro con la maglia del Pordenone, tant’è che Stefano Marchetti dopo averlo seguito a lungo, se l’è portato in granata. E alla prima uscita stagionale, Strizzolo ha subito lasciato il segno: un tempo nell’amichevole con il Lovadina e due gol. È calcio d’agosto, si giocava contro una squadra dilettantistica, ma per un attaccante timbrare il cartellino è sempre un buon segnale. Specie se hai preso possesso della tua nuova realtà da appena una settimana.
«Mi sono trovato bene con i nuovi compagni già dal primo giorno di allenamento. Certo, ci vorrà un certo periodo di tempo per entrare nei meccanismi del Cittadella, capire movimenti e metodologie che buona parte della rosa già conosce, ma il primo impatto è più che positivo». Si dice che a Cittadella sia facile entrare in sintonia con lo spogliatoio. «È vero, Sono stato accolto nel modo migliore, i compagni ti mettono subito nelle condizioni ideali per fare bene. Un nuovo arrivato non perde troppo tempo per ambientarsi».
Strizzolo, tra l’altro, a Cittadella ha ritrovato altri due ex compagni al Pordenone, Pasa e Martin. «Non abbiamo avuto il tempo per consolidare il rapporto, con Martin ci ho giocato assieme soltanto da gennaio, ma tutto aiuta a fare gruppo. A Cittadella invece ci sono calciatori che stanno assieme da anni, si conoscono in tutto e per tutto, sono loro i primi ad aiutare i nuovi».
L’attaccante non ha tagliato i ponti con la sua ex squadra. «Mi sento continuamente con i giocatori del del Pordenone, ho lasciato amicizie importanti». Lei aveva un ottimo rapporto anche con l’allenatore Tedino. «Mi sono confrontato con lui subito dopo avere concluso il campionato, lo risentirò a breve, i suoi consigli sono preziosi».
E che idea si è fatto di Venturato? «Una brava persona prima ancora che un tecnico preparato. Ha idee di gioco importanti, che richiedono però tanto lavoro». Lo schema con il trequartista le piace? «Certo, si addice alle mie caratteristiche, ma mi trovo bene anche con altre soluzioni.
Lei, Arrighini (con il quale divide il posto in camera), Litteri, Bizzotto, a breve Jallow: ci sarà da sudare per un posto nell’undici. «La concorrenza fa bene, è stimolante, e potrò imparare non solo da Venturato ma anche dai miei compagni di squadra, di reparto. In un campionato lungo come quello di B ci sarà posto e occasioni per tutti».
Intanto ha subito preso le misure: due gol alla prima uscita. «Sono contento, ma quello che più mi interessa adesso è trovare il giusto affiatamento con i compagni». Cosa chiede alla stagione? «Vorrei raggiungere la salvezza prima possibile e poi divertirmi, perché sono convinto che il Cittadella possa fare molto bene. Personalmente desidero cresce e maturare ancora».
Il pensiero finale di Strizzolo è riservato interamente ai tifosi. «Sabato sera ho visto una bellissima cornice di pubblico, spero di vedere lo stadio Tombolato sempre pieno, perché l’apporto dei nostri sostenitori è fondamentale». (da Il Gazzettino)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy